Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.880,24
    +618,34 (+1,98%)
     
  • Nasdaq

    11.535,27
    +180,66 (+1,59%)
     
  • Nikkei 225

    27.001,52
    +262,49 (+0,98%)
     
  • EUR/USD

    1,0694
    +0,0132 (+1,25%)
     
  • BTC-EUR

    27.315,51
    -884,07 (-3,14%)
     
  • CMC Crypto 200

    655,77
    -19,10 (-2,83%)
     
  • HANG SENG

    20.470,06
    -247,18 (-1,19%)
     
  • S&P 500

    3.973,75
    +72,39 (+1,86%)
     

Intesa rivede target utile 2022 su crisi Russia, rettifiche per 800 million

La sede centrale della banca Intesa San Paolo a Torino

MILANO (Reuters) - Intesa Sanpaolo ha chiuso il primo trimestre con un utile netto contabile di 1,024 miliardi di euro e ha effettuato rettifiche di valore sulle esposizioni verso Russia e Ucraina per circa 800 milioni.

Per il 2022 la banca rivede al ribasso l'obiettivo di utile netto atteso a "oltre 4 miliardi assumendo che non intervengano cambiamenti critici nell'offerta di materie prime/energia" contro gli oltre 5 miliardi indicati in precedenza, dice una nota.

L'utile netto è atteso "ben superiore a 3 miliardi" nell'ipotesi molto conservativa di una copertura al 40% delle esposizioni su Russia e Ucraina, con il passaggio della maggior parte alla categoria Stage 3.

Confermati invece i target di utile netto al 2025 a 6,5 miliardi, di un Cet 1 oltre 12% e di un payout ratio del 70% dell'utile netto consolidato per ogni anno del piano. È prevista un'ulteriore distribuzione da valutare anno per anno dal 2023 e un buyback da 3,4 miliardi subordinato all'ok della Bce.

"I risultati del primo trimestre 2022 confermano la capacità di Intesa Sanpaolo di generare una solida redditività e di creare valore per tutti gli stakeholder anche in contesti complessi, come gli attuali eventi riguardanti Russia e Ucraina e la pandemia da Covid-19, grazie al modello di business ben diversificato e resiliente", si legge nella nota.

L'utile netto del trimestre, non considerando le rettifiche su Russia e Ucraina, è di 1,67 miliardi "pienamente in linea con l'obiettivo di oltre 5 miliardi per l'anno in corso".

A fine marzo il Cet1 a regime è al 13,6% senza considerare i 110 centesimi di punto di beneficio derivante dall'assorbimento delle imposte differite attive entro il 2029 e l'impatto negativo di circa 100 centesimi di punto dal buyback.

Dal punto di vista operativo i proventi operativi netti si sono attestati a 5,4 miliardi in calo dell'1,4% su anno ma in crescita del 7,8% su base trimestrale. Cresce il margine di interesse (+0,1% su trimestre, +0,2% su anno), mentre le commissioni nette sono calate del 9,7% su trimestre e dell'1,2% su anno.

Per il comunicato integrale cliccare

(Gianluca Semeraro, editing Sabina Suzzi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli