Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.965,63
    -127,47 (-0,55%)
     
  • Dow Jones

    31.496,30
    +572,16 (+1,85%)
     
  • Nasdaq

    12.920,15
    +196,68 (+1,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.864,32
    -65,78 (-0,23%)
     
  • Petrolio

    66,28
    +2,45 (+3,84%)
     
  • BTC-EUR

    40.774,05
    +1.408,86 (+3,58%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,93
    +39,75 (+4,21%)
     
  • Oro

    1.698,20
    -2,50 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1925
    -0,0054 (-0,45%)
     
  • S&P 500

    3.841,94
    +73,47 (+1,95%)
     
  • HANG SENG

    29.098,29
    -138,50 (-0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.669,54
    -35,31 (-0,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8605
    -0,0011 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,1082
    -0,0040 (-0,36%)
     
  • EUR/CAD

    1,5074
    -0,0087 (-0,58%)
     

Intesa SanPaolo chiude il 2020 con utile netto contabile 3,277 MLD. Tutti i numeri utili escludendo Ubi

Laura Naka Antonelli
·2 minuto per la lettura

Nel 2020, il Gruppo Intesa SanPaolo ha riportato un utile netto contabile pari a 3,277 miliardi di euro e un utile netto pari a: 3,505 miliardi escludendo il saldo positivo delle componenti relative all'acquisizione di UBI Banca (pari a 684 milioni), costituite dagli effetti economici positivi dell'allocazione dei costi di acquisizione di 2,062 miliardi al netto delle imposte (incluso il goodwill negativo), determinati a seguito della finalizzazione del processo di PPA (Purchase Price Allocation) che ha incluso circa 2,1 miliardi di rettifiche di valore su crediti al lordo delle imposte, e dagli oneri di integrazione di 1,378 miliardi al netto delle imposte (circa 2 miliardi al lordo delle imposte, di cui circa 1,3 miliardi relativi a oltre 7.200 uscite volontarie entro il 2023, a fronte delle quali sono previste 3.500 assunzioni entro il primo semestre 2024), l'impatto contabile del connesso azzeramento del goodwill della Divisione Banca dei Territori (pari a 912 milioni), anche in relazione all'aumento del valore contabile della Divisione conseguente all'integrazione di UBI Banca. Utile netto pari a 3,083 miliardi escludendo anche i cinque mesi di apporto di UBI Banca (pari a 422 milioni), rispetto a 4,182 miliardi del 2019, superiore ai circa 3 miliardi di euro di utile netto minimo previsto per l'esercizio 2020; un utile netto di 4,539 miliardi se si escludessero anche le rettifiche di valore su crediti per i futuri impatti di COVID-19 (pari a 2,164 miliardi), in crescita di circa il 9% rispetto all'utile netto del 2019. Il risultato corrente lordo è salito di circa il 10%, rispetto al 2019, escludendo l'apporto di UBI Banca, consolidata dal terzo trimestre 2020, se si escludessero le rettifiche di valore su crediti per i futuri impatti di COVID-19, anche a seguito della ripresa nel secondo semestre 2020 degli interessi netti e soprattutto delle commissioni nette, che hanno registrato una crescita rispettivamente di circa il 2% e l'11% rispetto al primo semestre dell’anno.