Italia markets closed
  • FTSE MIB

    26.489,18
    +211,61 (+0,81%)
     
  • Dow Jones

    35.294,76
    +382,20 (+1,09%)
     
  • Nasdaq

    14.897,34
    +73,91 (+0,50%)
     
  • Nikkei 225

    29.068,63
    +517,70 (+1,81%)
     
  • Petrolio

    82,66
    +1,35 (+1,66%)
     
  • BTC-EUR

    52.309,38
    -1.330,64 (-2,48%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.464,06
    +57,32 (+4,07%)
     
  • Oro

    1.768,10
    -29,80 (-1,66%)
     
  • EUR/USD

    1,1606
    +0,0005 (+0,05%)
     
  • S&P 500

    4.471,37
    +33,11 (+0,75%)
     
  • HANG SENG

    25.330,96
    +368,37 (+1,48%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.182,91
    +33,85 (+0,82%)
     
  • EUR/GBP

    0,8437
    -0,0041 (-0,49%)
     
  • EUR/CHF

    1,0701
    -0,0007 (-0,06%)
     
  • EUR/CAD

    1,4344
    +0,0001 (+0,01%)
     

Intesa SanPaolo, Messina: in contesto tassi bassi abbiamo saputo crescere con gestione risparmio, consulenza e assicurazioni

·1 minuto per la lettura

"Fin dal Piano d'Impresa presentato nel 2014, il nostro Gruppo si è riposizionato in maniera decisa, puntando con forza sulle attività di asset management, private banking ed assicurazione". Così il numero uno di Intesa Sanpaolo, Carlo Messina, in occasione della presentazione delle attività di Wealth Management & Protection del gruppo. Questa mossa, ha continuato Messina, "ha dato da subito i propri frutti perché, avendo intuito il progressivo calo dei tassi d'interesse e le difficoltà nel conseguire significativi ricavi dall'attività creditizia tradizionale, abbiamo saputo crescere mediante la gestione del risparmio, la consulenza finanziaria e patrimoniale ed il business assicurativo, tanto da poterci oggi collocare ai vertici in Europa per solidità, efficienza e redditività". "I dati al 30 giugno 2021, infatti, hanno evidenziato come Intesa Sanpaolo sia il gruppo meglio attrezzato per affrontare le sfide future, grazie ad un eccellente profilo di rischio con un Leverage ratio al 6,9%, un NPL ratio ai livelli più bassi dal 2007 e l'obiettivo del Piano d'Impresa 2018-2021 di riduzione dei crediti deteriorati superato con un anno di anticipo. Grazie, altresì, ad una solida patrimonializzazione, superiore ai requisiti regolamentari (+200bp rispetto agli altri istituti), che ci ha consentito di superare brillantemente anche gli ultimi stress test EBA/BCE e a un'elevata efficienza operativa, con un Cost Income ratio tra i migliori in Europa al 49,2%. L'ultima semestrale, inoltre, ha registrato 1.200 miliardi di euro di Attività finanziarie della clientela (quasi 100 miliardi di euro in più rispetto al 30 giugno 2020), con Commissioni e Attività Assicurativa che rappresentano il 52% dei Proventi operativi netti, mentre dalle attività di Wealth Management & Protection proviene il 58% del Risultato corrente lordo".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli