Italia markets close in 7 hours 34 minutes
  • FTSE MIB

    22.172,58
    +111,60 (+0,51%)
     
  • Dow Jones

    29.638,64
    -271,73 (-0,91%)
     
  • Nasdaq

    12.198,74
    -7,11 (-0,06%)
     
  • Nikkei 225

    26.787,54
    +353,92 (+1,34%)
     
  • Petrolio

    45,53
    +0,19 (+0,42%)
     
  • BTC-EUR

    16.252,38
    +1,37 (+0,01%)
     
  • CMC Crypto 200

    383,16
    +18,56 (+5,09%)
     
  • Oro

    1.796,00
    +15,10 (+0,85%)
     
  • EUR/USD

    1,1982
    +0,0047 (+0,40%)
     
  • S&P 500

    3.621,63
    -16,72 (-0,46%)
     
  • HANG SENG

    26.567,68
    +226,19 (+0,86%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.521,18
    +28,64 (+0,82%)
     
  • EUR/GBP

    0,8939
    -0,0010 (-0,11%)
     
  • EUR/CHF

    1,0848
    +0,0016 (+0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,5512
    -0,0001 (-0,01%)
     

Intesa Sanpaolo supera target minimo netto 2020 con risultati trim3

·2 minuto per la lettura
Logo di Intesa Sanpaolo a Milano
Logo di Intesa Sanpaolo a Milano

MILANO (Reuters) - Intesa Sanpaolo supera con i conti del terzo trimestre l'obiettivo minimo di utile netto per l'intero 2020 e conferma una elevata patrimonializzazione con un Cet1 pro forma a regime al 15,2%.

Nei primi nove mesi l'utile netto contabile è stato di 6,376 miliardi di euro. Escludendo i due mesi di apporto di Ubi Banca, acquisita in estate, e il goodwill negativo originato dall'operazione da allocare nel quarto trimestre, l'utile netto è di 3,073 miliardi, dice una nota.

Il solo terzo trimestre vede un utile netto di 507 milioni, senza apporto di Ubi e goodwill negativo conseguente, superiore alle attese degli analisti di 466 milioni, ma in calo da oltre 1 miliardo di un anno prima.

Nel trimestre si registra un miglioramento a livello di operativo degli interessi netti (a 1,82 miliardi con una crescita del 3,9% sul secondo trimestre e del 4,4% annuo) mentre le commissioni rimbalzano del 6,7% su trimestre a 1,86 miliardi, ma sono in calo del 5,3% su anno.

Il totale dei ricavi scende dell'1,3% a 4,083 miliardi rispetto al secondo trimestre e del 9,5% su base annua, anche per il calo del risultato del trading.

In calo i costi operativi nel trimestre a 2,2 miliardi (-1,5% su trimestre e -5,3% su anno).

Per ciò che riguarda gli obiettivi, Intesa conferma la generosa politica dei dividendi con payout del 75% e del 70% rispettivamente per quest'anno e il prossimo e l'intenzione di chiedere alla Bce l'ok alla distribuzione cash delle riserve sugli utili 2019 l'anno prossimo.

Per il 2020 la banca vede un utile netto non inferiore a 3 miliardi, senza considerare Ubi, e non inferiore a 3,5 miliardi nel 2021. Dal 2022 previsto un utile netto non inferiore a 5 miliardi per il gruppo risultante dall'acquisizione di Ubi.

Confermato il target di un cet1 pro forma a regime non sotto il 13% nel 2021 anche con Ubi e la potenziale distribuzione cash di riserve.

(Gianluca Semeraro, in redazione a Milano Sabina Suzzi)