Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.612,04
    +116,97 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    34.777,76
    +229,23 (+0,66%)
     
  • Nasdaq

    13.752,24
    +119,39 (+0,88%)
     
  • Nikkei 225

    29.357,82
    +26,45 (+0,09%)
     
  • Petrolio

    64,82
    +0,11 (+0,17%)
     
  • BTC-EUR

    48.585,25
    +865,11 (+1,81%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.480,07
    +44,28 (+3,08%)
     
  • Oro

    1.832,00
    +16,30 (+0,90%)
     
  • EUR/USD

    1,2167
    +0,0098 (+0,82%)
     
  • S&P 500

    4.232,60
    +30,98 (+0,74%)
     
  • HANG SENG

    28.610,65
    -26,81 (-0,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.034,25
    +34,81 (+0,87%)
     
  • EUR/GBP

    0,8695
    +0,0013 (+0,14%)
     
  • EUR/CHF

    1,0948
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4743
    +0,0081 (+0,55%)
     

Intesa Sp: con il Pnrr pronti a offrire 270 miliardi alle imprese

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 22 apr. (askanews) - Con il Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) Intesa Sanpaolo è "in grado di erogare 270 miliardi di euro alle imprese che possono essere coinvolte" fino al 2026. Lo ha affermato il consigliere delegato della banca Carlo Messina, secondo cui l'Italia "è il paese delle filiere e il Pnrr, che sarà approvato la settimana prossima, deve essere quindi il piano delle filiere. Abbiamo fiducia che il governo possa accelerare l'impulso alla crescita attraverso il Pnrr e vogliamo essere pronti a fare la nostra parte".

"I depositi bancari accumulati da imprese e famiglie - ha spiegato il Ceo alla presentazione del rapporto annuale di Intesa Sp sui distretti industriali - saranno pronti a tornare nell'economia reale nel momento in cui ci saranno le condizioni per accelerare la ripresa. E non c'è altra possibilità che investire sulle imprese, sui distretti e sulle filiere".

"L'unico vero motore - ha aggiunto Messina - per portare verso il settore produttivo i depositi, che ora sono nelle banche, è rappresentato dal Pnrr: è la discriminante per passare da una crescita modesta a una crescita sostenuta che porterebbe a ridurre la disoccupazione, contrastare la povertà e mantenere il debito pubblico su un livello di sostenibilità".

Glv