Italia markets closed
  • Dow Jones

    27.602,55
    -82,83 (-0,30%)
     
  • Nasdaq

    11.437,90
    +78,96 (+0,70%)
     
  • Nikkei 225

    23.485,80
    -8,54 (-0,04%)
     
  • EUR/USD

    1,1832
    +0,0018 (+0,15%)
     
  • BTC-EUR

    11.584,16
    +484,81 (+4,37%)
     
  • CMC Crypto 200

    271,73
    +10,44 (+4,00%)
     
  • HANG SENG

    24.787,19
    -131,59 (-0,53%)
     
  • S&P 500

    3.403,32
    +2,35 (+0,07%)
     

Intesa Sp estende a rete Ubi il plafond per la circular economy

Glv
·1 minuto per la lettura

Roma, 7 ott. (askanews) - Intesa Sanpaolo estende alla rete Ubi il plafond "dedicato alle aziende di ogni dimensione che intendono abbracciare la circular economy, il nuovo modello economico-produttivo che mira a slegare lo sviluppo dallo sfruttamento delle risorse naturali esauribili e a ridisegnare il modo di fare impresa". "La dotazione - sottolinea l'istituto di credito - del plafond previsto per il piano industriale 2018-2021 è stata portata da 5 a 6 miliardi di euro, riservando il miliardo aggiuntivo ai clienti Ubi, che da oggi possono accedere a condizioni vantaggiose a linee di credito dedicate alla realizzazione dei loro progetti nell'ambito dell'economia circolare". Intesa Sanpaolo Innovation Center, la società del gruppo dedicata allo studio dei nuovi modelli di business, all'accelerazione dell'innovazione nelle imprese e al presidio delle attività nell'ambito dell'economia circolare, "valuterà i progetti dei clienti Ubi sulla base di criteri definiti con la fondazione Ellen MacArthur, organizzazione leader a livello mondiale nella diffusione della circular economy, della quale Intesa Sanpaolo è primo financial services global partner dal 2015". Dal 2018 Intesa Sanpaolo "ha erogato oltre un miliardo di euro a valere su plafond circular, a supporto di 119 progetti innovativi. Oltre a contribuire al miglioramento ambientale e sociale dei contesti nei quali operano e, su larga scala, dell'intero pianeta, le imprese che scelgono il modello economico-produttivo circolare possono contare su di una nuova ed efficace leva competitiva e sulle opportunità offerte dai fondi previsti dal Green Deal dell'Unione Europea dal piano di ripresa Next Generation Eu".