Italia markets close in 7 hours 48 minutes
  • FTSE MIB

    22.167,92
    +106,94 (+0,48%)
     
  • Dow Jones

    29.638,64
    -271,73 (-0,91%)
     
  • Nasdaq

    12.198,74
    -7,11 (-0,06%)
     
  • Nikkei 225

    26.787,54
    +353,92 (+1,34%)
     
  • Petrolio

    45,46
    +0,12 (+0,26%)
     
  • BTC-EUR

    16.306,29
    +55,28 (+0,34%)
     
  • CMC Crypto 200

    384,53
    +19,93 (+5,47%)
     
  • Oro

    1.794,80
    +13,90 (+0,78%)
     
  • EUR/USD

    1,1986
    +0,0051 (+0,43%)
     
  • S&P 500

    3.621,63
    -16,72 (-0,46%)
     
  • HANG SENG

    26.567,68
    +226,19 (+0,86%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.515,54
    +23,00 (+0,66%)
     
  • EUR/GBP

    0,8942
    -0,0007 (-0,08%)
     
  • EUR/CHF

    1,0853
    +0,0021 (+0,19%)
     
  • EUR/CAD

    1,5512
    -0,0002 (-0,01%)
     

Intesa Sp Monitor distretti Triveneto: registrato un rimbalzo

Bnz
·1 minuto per la lettura

Padova, 18 nov. (askanews) - Nell'estate è stato segnato un rimbalzo, il 21% delle aziende del Trentino-Alto Adige hanno indicato di essere tornate su livelli accettabili di attività, il 14% dei distretti Veneti e il 12% di quelli del Friuli Venezia Giulia, contro il 15% medio nazionale. E' quanto emerge dal Monitor Distretti industriali del Triveneto a fine giugno 2020, curato dalla Direzione Studi e Ricerche Intesa Sanpaolo. Il Triveneto è stato particolarmente colpito dalla crisi pandemica in corso, sia in termini di contagi sia di arresto delle attività produttive e commerciali nei mesi di aprile e maggio, con impatti complessivamente più severi in questo territorio rispetto alla media nazionale, aggravati dal crollo dei flussi turistici dall'estero. Alla chiusura degli impianti produttivi si è sommata anche la crisi nei principali mercati di interscambio, interrompendo le catene di fornitura e impoverendo la domanda dai mercati esteri. Nel primo semestre 2020, le esportazioni complessive hanno subito una contrazione a doppia cifra, di poco inferiore a quella nazionale (-14,4% Triveneto contro il -15,3% Italia) pari a una perdita di 6,3 miliardi di euro. Il calo è stato diffuso a gran parte dei settori, con l'eccezione di agroalimentare e farmaceutica ed altri settori ad alta o medio-alta tecnologia (elettronica, cantieristica e aerospazio, chimica, gomma e plastica). I distretti del Triveneto, che esportano il 37% del manifatturiero totale, dopo aver toccato un valore di minimo nel secondo trimestre (-31,3%) hanno chiuso il semestre con una diminuzione del 18,5%, leggermente più contenuta rispetto al dato distrettuale nazionale (-19,9%) grazie alla miglior tenuta dei distretti del Trentino-Alto Adige (-13,3%) sostenuti dal comparto agroalimentare. (Segue)