Italia Markets closed

Intesa SP, un pranzo di solidarietà con le persone in difficoltà

Pmz

Milano, 15 dic. (askanews) - Intesa Sanpaolo apre le porte alla solidarietà con un pranzo pre-natalizio, doni e intrattenimento per le persone in difficoltà. Nella mensa aziendale di via Lorenteggio a Milano Intesa ha ospitato circa 250 persone, tra cui 80 bambini, che hanno trascorso una giornata diversa pranzando insieme e assistendo a un concerto del sistema delle orchestre e cori giovanili e infantili. E' la sesta tappa di "Noi insieme: Natale 2019", progetto nazionale di condivisione e cultura di Intesa Sanpaolo che, nel mese di dicembre, apre numerose sedi della banca. A Milano le organizzazioni coinvolte per l'occasione sono state la Caritas Ambrosiana e fondazione Pellegrini.

Elena Jacobs, responsabile valorizzazione del sociale e relazioni con l'università di Intesa Sanpaolo ha commentato: "Siamo a metà di un percorso lungo quattro anni perché, perché quattro anni dura il nostro piano industriale 2018-2021. Nel piano industriale di Intesa Sanpaolo si dice che vogliamo essere la prima banca d'impatto a livello mondiale. Per esserlo dobbiamo impegnarci, e ci stiamo effettivamente impegnando, per la realizzazione di progetti in ambito sociale che possano aiutare le persone e possano lasciare traccia di cambiamento. A metà del piano industriale abbiamo deciso di conoscere le persone per le quali ci attiviamo e facciamo tanti progetti. Qundi non solo un impegno a distanza ma un impegno di condivisione", ha sottolineato.

"Sta andando tutto molto bene anche perchè il clima di condivisione che si crea nell'ambito di queste giornate è un clima veramente speciale - ha speigato ancora Jacobs - Le persone si aprono e ci raccontano le loro storie. Sono storie di fragilità e di persone che hanno perso il lavoro. La perdita del lavoro crea un dissesto pazzesco nelle persone. Un disequilibrio, una disistima, una solitudine che sono l'origine della povertà".

I centri di ascolto di Caritas a Milano nel 2018 hanno registrato la richiesta d'aiuto di più di 14mila persone.