Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.341,77
    +111,43 (+0,33%)
     
  • Nasdaq

    13.505,39
    -77,04 (-0,57%)
     
  • Nikkei 225

    29.331,37
    +518,77 (+1,80%)
     
  • EUR/USD

    1,2058
    +0,0049 (+0,41%)
     
  • BTC-EUR

    47.200,98
    -715,49 (-1,49%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.478,04
    +6,62 (+0,45%)
     
  • HANG SENG

    28.637,46
    +219,46 (+0,77%)
     
  • S&P 500

    4.170,57
    +2,98 (+0,07%)
     

Introdotta la schwa in un comune emiliano

·1 minuto per la lettura
Castelfranco Emilia schwa
Castelfranco Emilia schwa

Una comunicazione più inclusiva e che abbracci ogni identità di genere. Questa la proposta del comune di Castelfranco Emilia in provincia di Modena dove al fine di evitare disuguaglianze in alcuni contesti come ad esempio la comunicazione sui social ha iniziato ad utilizzare la vocale neutra ə (schwa). Si tratta di una vocale molto pronunciata nella lingua inglese ed inclusa nell’alfabeto indoeuropeo comune.

Proprio per il suo impiego in contesti neutri, la schwa potrebbe rivelarsi una soluzione per poter comunicare a tutti senza incorrere in frasi poco rispettose: “Ecco perchè vogliamo fare maggiore attenzione a come ci esprimiamo: il linguaggio infatti non è solo uno strumento per comunicare, ma anche per plasmare il modo in cui pensiamo, agiamo e viviamo le relazioni”, ha spiegato il comune di Castelfranco Emilia su Facebook.

Questo contenuto non è disponibile a causa delle tue preferenze per la privacy.
Per visualizzarlo, aggiorna qui le impostazioni.

La scelta del comune di Castelfranco Emilia per essere inclusivo

“Da diverse settimane avete visto comparire in alcuni nostri post il simbolo presente nella card la schwa, ǝ, a chiusura di alcuni termini usati. Di cosa si tratta?”, questa l’introduzione del post del Comune di Castefranco Emilia che sui social ha annunciato che d’ora in avanti adotterà la schwa (ə), al fine di utilizzare un linguaggio inclusivo e aperto a tutti senza distinzione di genere.

“Il rispetto e la valorizzazione delle differenze sono principi fondamentali della nostra comunità e il linguaggio che utilizziamo quotidianamente dovrebbe rispecchiare tali principi”, ha spiegato il comune emiliano aggiungendo che: “Questo non significa stravolgere la nostra lingua o le nostre abitudini, significa fare un esercizio di cura e attenzione verso tutte le persone, in modo che si sentano ugualmente rappresentate”.