Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.874,24
    -71,34 (-0,21%)
     
  • Nasdaq

    14.271,73
    +18,46 (+0,13%)
     
  • Nikkei 225

    28.874,89
    -9,24 (-0,03%)
     
  • EUR/USD

    1,1935
    -0,0009 (-0,07%)
     
  • BTC-EUR

    27.772,54
    +207,17 (+0,75%)
     
  • CMC Crypto 200

    793,81
    -16,38 (-2,02%)
     
  • HANG SENG

    28.817,07
    +507,31 (+1,79%)
     
  • S&P 500

    4.241,84
    -4,60 (-0,11%)
     

Invesco aderisce a Climate Action 100+ per essere attori del futuro

·3 minuto per la lettura
Invesco aderisce a Climate Action 100+ per essere attori del futuro
Invesco aderisce a Climate Action 100+ per essere attori del futuro

Gli esperti di Invesco spiegano agli investitori l’importanza dell’iniziativa Climate Action 100+ che coinvolge le 167 aziende che generano oltre l’80% delle emissioni di gas serra industriali

Il cambiamento climatico è una tra le maggiori criticità da affrontare: la responsabilità della gestione è collettiva e vede in prima fila anche gli asset manager. L’impegno di Invesco nel corso degli anni in materia ESG e questioni climatiche è stato intenso ed ha meritato il riconoscimento dell’eccellente rating A+ per la strategia e governance secondo i Principi per l’investimento responsabile delle Nazioni Unite (2020 Assessment Reports for Invesco Ltd).

OLTRE 35,5 MILIARDI DI DOLLARI USA IN INVESTIMENTI ESG

“Continuiamo ad avvalerci delle competenze acquisite nelle strategie di investimenti ESG – dove abbiamo superato la soglia di 35,5 miliardi di dollari USA (al 31 dicembre 2020) – e promuoviamo un comportamento più sostenibile nelle aziende in cui investiamo: nel 2020 abbiamo svolto attività di engagement su temi ESG con oltre 2.000 aziende e votato su oltre 10.000 proposte societarie (statistiche di voto Invesco dal 1° gennaio 2020 al 31 dicembre 2020)”, fanno sapere gli esperti di Invesco che, a tal proposito, segnalano il ruolo nella Climate Action 100+.

MISURE VOLTE A GESTIRE IL CAMBIAMENTO CLIMATICO

L’iniziativa, che è stata lanciata a dicembre 2017, coinvolge, nelle misure volte a gestire il cambiamento climatico, le 167 aziende che generano oltre l’80% delle emissioni di gas serra industriali. “Invesco, che figura tra gli oltre 540 investitori firmatari a cui fa capo una massa gestita complessiva superiore a 51 mila miliardi di dollari USA, ha sviluppato attività di engagement con le aziende allo scopo di migliorare la governance sul fronte della riduzione delle emissioni, del cambiamento climatico e nel potenziamento delle informative finanziarie relative al clima. Dopo aver aderito all’iniziativa lo scorso anno, abbiamo collaborato come co-lead investor con una primaria società nel settore dell’energia e svolto un ruolo proattivo in varie altre aziende”, sottolineano i manager di Invesco.

OBIETTIVI DI EMISSIONI DI CARBONIO 2025 GIÀ CONSEGUITI

Nel quadro della collaborazione con questa importante società energetica, Invesco ha fornito feedback dettagliati sul suo primo lobbying report e collaborato anche per aiutare la compagnia a realizzare il suo primo report di riferimento sulle ‘emissioni zero nette’. “La buona notizia è che la società energetica, dopo aver conseguito in anticipo gli obiettivi di emissioni di carbonio 2025, ha già definito nuovi obiettivi. Tra di essi figurano zero emissioni nette per le sue attività entro il 2050 o addirittura prima, riduzione dell’intensità di carbonio almeno del 30% entro il 2025 e assicurazione che i prodotti a basso/zero contenuto di carbonio costituiscano almeno il 60% del suo portafoglio entro il 2025”, riferiscono i professionisti di Invesco.

INSTITUTIONAL INVESTORS GROUP ON CLIMATE CHANGE (IIGCC)

Insieme ad altri investitori, Invesco ha partecipato alle riunioni trimestrali per gli aggiornamenti sul settore di petrolio e gas dell’Institutional Investors Group on Climate Change (IIGCC), contribuendo, con il gruppo di lavoro di tale organismo, allo sviluppo di uno standard net-zero per il settore di petrolio e gas. “Grazie alla nostra focus list e all’iniziativa Climate Action 100+ puntiamo a un engagement climatico a più ampio raggio proponendoci di passare da un 75% (secondo le nostre stime interne) di integrazione ESG in tutte le aree d’investimento al 100% entro il 2023”, riferiscono gli esperti di Invesco.

I TEMI ESG SEMPRE PIÙ FONDAMENTALI PER GLI INVESTITORI

Un processo che avrà ricadute positive anche per gli investitori a mano a mano che i parametri climatici saranno incorporati nel reporting, in un contesto di portafogli personalizzati, vincenti e a basso contenuto di carbonio. “Il cambiamento climatico, i temi ESG e i relativi risultati rappresentano una componente essenziale del nostro futuro e sempre più fondamentali per gli investitori. Si tratta di un’area in cui riscuotiamo successi crescenti grazie al nostro approccio a lungo termine tramite l’investimento attivo e ci proponiamo di trasformarli in un elemento sostenibile dei rendimenti degli investimenti a lungo termine”, concludono i manager di Invesco.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli