FTSE MIB
21.819,48
+143,73
0,66%
Genera grafico per FTSEMIB.MI
ALL-SHARE
23.265,11
+147,39
0,64%
ITLMS.MI
Ftse 100
6.703,00
+28,26
0,42%
^FTSE
Dax
9.548,68
+4,49
0,05%
^GDAXI
Dow Jones
16.501,65
0,00
0,00%
^DJI
S&P 500
1.878,61
+3,22
0,17%
^GSPC
Nikkei 225
14.404,99
-141,28
0,97%
^N225
Euro-Dollaro
1,3833
0,0015
0,11%
Genera grafico per EURUSD=X
Euro-Sterlina
0,8233
0,0002
0,02%
EURGBP=X
Euro-Franc...
1,2197
0,0012
0,10%
EURCHF=X
Dollaro-St...
0,5952
0,0008
0,13%
USDGBP=X
Euro-Yen
141,4915
0,1914
0,14%
EURJPY=X
Euro-Yuan
8,6450
0,0256
0,30%
EURCNY=X
Euro-Rublo
49,4860
0,1312
0,27%
EURRUB=X
Petrolio gr.
101,88
0,44
0,43%
Genera grafico per CLM14.NYM
Gas naturale
4,68
0,05
0,99%
NGK14.NYM
Oro
1.293,70
+9,10
0,71%
GCM14.CMX
Argento
19,64
0,20
+1,04%
SIK14.CMX
Rame
3,12
0,06
+1,96%
HGK14.CMX
Grano
697,50
+14,75
+2,16%
WN14.CBT
Mais
507,00
-2,50
0,49%
CN14.CBT
 

Investire in borsa: come capire se l'azienda è in buona salute

La conoscenza degli strumenti e dei titoli sui quali si intende investire è la condizione essenziale per evitare scelte avventate, di cui magari pentirsi poco dopo aver effettuato l’operazione. Conoscere l’azienda che sta dietro a un titolo quotato (azionario od obbligazionario che sia) significa in primo luogo avere cognizione dei principali indicatori del suo stato di salute.

Bilancio sotto i riflettori
Il bilancio può essere definito il film dell’impresa, in quanto registra i flussi in entrata e in uscita nel periodo di tempo preso in considerazione, identificando il margine positivo o negativo del periodo. Il film è composto da diversi fotogrammi, l’ultimo dei quali offre una rappresentazione in “fermo immagine” dei conti alla data finale del periodo considerato.
Il bilancio d’esercizio descrive l’andamento di un’azienda nel corso dei dodici mesi, ma le aziende quotate sono tenute a pubblicare un aggiornamento dei propri conti su base trimestrale, per aumentare la trasparenza verso il mercato.

Stato patrimoniale e conto economico
Nella sua forma più semplice, il bilancio è composto da due documenti: lo stato patrimoniale e il conto economico. Il primo, che approfondisce in primo luogo gli aspetti finanziari, offre un’istantanea del patrimonio aziendale a una certa dati. Si compone a sua volta di due parti: l’attivo, vale a dire tutti gli investimenti necessari all’azienda per svolgere al meglio la propria attività (ad esempio le immobilizzazioni, la liquidità e i crediti); il passivo, comprensivo dei mezzi di cui l’impresa si è dotata per finanziare quegli investimenti (come il capitale sociale, le riserve, l’utile d’esercizio).
Il conto economico, invece, riassume l’insieme delle operazioni realizzate dall’azienda, che hanno contribuito a determinare il risultato finale d’esercizio. Anche questo documento si divide in due parti: da una parte i costi (ammortamenti, leasing, interessi passivi, costo del lavoro e così via) e dall’altra i ricavi (come plusvalenze, sconti e interessi attivi).

Nota integrativa e relazione di gestione
Ulteriori elementi utili a identificare lo stato di salute di un’azienda sono la nota integrativa e la relazione di gestione. La prima svolge una funzione descrittiva, illustrando le decisioni assunte dagli amministratori nel redigere il bilancio, in modo da favorire la comprensioni delle singole voci inserite nello stato patrimoniale e nel conto economico. La seconda è, invece, un documento che informa sull’andamento della gestione, con specifiche relative a voci come gli investimenti in ricerca e sviluppo, i fatti di rilievo avvenuti nel periodo considerato, gli obiettivi e i rischi assunti.

Come leggere i dati
Visti con l’ottica degli investitori, tutti questi dati relativi al bilancio assumono un significato particolare: non si tratta solo di capire se un’azienda guadagna soldi o ci rimette (in genere il segno positivo o negativo è ampiamente atteso dal mercato), quanto nell’identificare i trend della società nel tempo, il miglioramento o peggioramento rispetto al periodo considerato, l’ambizione del management e la sua capacità passata nel centrare gli obiettivi dichiarati.

Caricamento...

Discesa da 3 a 5 barre
Qui di seguito tratteremo un pattern elaborato da Oliver Velez e Frank Capra, autori di Master Trader, che reputo uno tra i migliori libri tradotti in italiano sulle tecniche di trading...
Come usare la
Andrews' Pitchfork

La Andrews’ Pitchfork prende
il nome dal suo ideatore, Alan Andrews che ha messo a punto questo strumento per identificare
gli obiettivi di prezzo e calcolare
la velocità con la quale tali obiettivi possono essere raggiunti...
Un setup completo di ingresso con la Barra di Esaurimento
Uno dei miei pattern preferiti
di inversione è senz’altro quella
che definisco come “Barra di Esaurimento” che per brevità
d’ora innanzi indicheremo con
la sigla “BE”...


UNA PAROLA AL GIORNO


Rialzista
Sai che cosa si indica con questo termine nel linguaggio finanziario e borsistico? Scoprilo subito!