Italia markets closed
  • FTSE MIB

    21.354,65
    +60,79 (+0,29%)
     
  • Dow Jones

    31.097,26
    +321,83 (+1,05%)
     
  • Nasdaq

    11.127,84
    +99,11 (+0,90%)
     
  • Nikkei 225

    25.935,62
    -457,42 (-1,73%)
     
  • Petrolio

    108,46
    +2,70 (+2,55%)
     
  • BTC-EUR

    18.531,20
    -543,70 (-2,85%)
     
  • CMC Crypto 200

    420,84
    +0,70 (+0,17%)
     
  • Oro

    1.812,90
    +5,60 (+0,31%)
     
  • EUR/USD

    1,0426
    -0,0057 (-0,54%)
     
  • S&P 500

    3.825,33
    +39,95 (+1,06%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.448,31
    -6,55 (-0,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8622
    +0,0015 (+0,17%)
     
  • EUR/CHF

    1,0003
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,3434
    -0,0056 (-0,42%)
     

Investire nel Metaverso, 9 azioni + 1 ETF che non puoi ignorare

·6 minuto per la lettura

Il metaverso è un concetto recente, ma non poi così nuovo dal momento che esso appare per la prima volta nel 1992 nel romanzo Snow crash, un romanzo cyberpunk che gli amanti del genere conosceranno sicuramente.

Tuttavia è nel mese di ottobre 2021 che questo termine si impone al grande pubblico, con la decisione di Mark Zuckerberg di proiettare la sua Facebook Inc. in una nuova realtà per scrollarsi di dosso i problemi degli ultimi anni.

Il metaverso è così diventato tema di investimento per gli azionisti, che intravvedono in esso uno dei vari supertrend dei prossimi anni da non lasciarsi sfuggire.

Esiste già un fondo negoziato in borsa (ETF) che ci consente di esporci più ampiamente al tema del metaverso, lo vedremo insieme ai 9 titoli azionari da prendere in considerazione per esporsi al supertrend.

Prima, però, una breve spiegazione sul cosa significa metaverso.

Cos’è il metaverso

Per comprendere cos’è il metaverso da un punto di vista concettuale, lasciamoci aiutare dall’Enciclopedia Treccani, che ci spiega come il metaverso sia:

“Un mondo virtuale in 3D popolato di repliche umane digitali, con il quale si definisce una zona di convergenza di spazi virtuali interattivi, localizzata nel cyberspazio e accessibile dagli utenti attraverso un avatar con funzione di rappresentante dell’identità individuale”.

Con il metaverso si superano i concetti di realtà virtuale e realtà aumentata, per fonderli in una nuova realtà in cui fisico e digitale, più virtuale, si incontrano e in un certo senso si fondono.

Infatti, nel metaverso possiamo incontrare l’avatar di un nostro amico, collega, docente, e così via. Le possibilità di incontro a distanza assumono una nuova dimensione, non più piatta come lo schermo, ma tridimensionale.

I social network e gli e-commerce, saranno costretti a trasformarsi, o a perire.

Fastly (FSLY)

Il metaverso avrà bisogno di velocità delle reti e probabilmente si potrà sviluppare meglio solo con l’avvento del 6G (standard non ancora definito), e di reti di connessione fisse molto più potenti delle attuali.

Ma serviranno anche servizi cloud altamente reattivi e basati su servizi di edge computing infrastructure-as-a-service (IaaS). Una società ben posizionata in questo campo è Faslty (FSLY).

Nvidia (NVDA)

La nota società produttrice di processori grafici, Nvidia (NVDA), negli anni si è aperta all’intelligenza artificiale e ha dato vita anche ad una piattaforma di nome Omniverse, dove gli sviluppatori trovano gli strumenti utili per creare il metaverso.

I suoi processori, inoltre, trovano ottima collocazione proprio nei data center di edge computing platform di cui dispongono società come Fastly.

Roblox (RBLX)

Roblox (RBLX) è una piattaforma di gioco dove gli utenti entrano in contatto attraverso mondi virtuali a due dimensioni (per ora) creati dagli sviluppatori, ma anche dagli utenti stessi, intenzionati a crearsi un proprio mondo dove dare accesso solo agli amici o a persone di loro gradimento.

Nato nel 2006, Roblox si pone in una posizione ideale per sfruttare la prossima evoluzione della piattaforma, proiettando i suoi 43 milioni di utenti attivi nel metaverso.

Gucci, ha già lanciato una sua collezione virtuale attraverso la piattaforma gaming.

Meta (FB)

Meta Platforms Inc (FB), è il nuovo nome di Facebook Inc. e il nuovo corso dato da Marck Zuckerberg alla sua società. Tuttavia, i bene informati, sanno che sono anni che la società investe su VR e realtà aumentata.

Facebook in passato ha lanciato il suo dispositivo VR Oculus, che ora prende il nome di Oculus Quest ed è giunto alla seconda generazione.

Zuckerberg aveva introdotto una prima versione del metaverso nella piattaforma del social network Facebook già qualche anno fa.

Ad agosto la società aveva lanciato anche una nuova applicazione per Oculus Quest, chiamata Horizon Workrooms. Tale piattaforma permette agli utenti di usare il visore virtuale per partecipare a riunioni usando un avatar.

Il metaverso è già qui, nei prossimi anni non potrà che svilupparsi ulteriormente.

Autodesk (ADSK)

Perché includiamo Autodesk (ADSK)? Per il suo prodotto di punta AutoCAD, usato da progettisti come ingegneri e architetti per creare di tutto.

Ebbene, per creare il metaverso servono software come AutoCAD per creare i mondi. Già oggi società di gaming e intrattenimento usano AutoCAD per creare gli scenari, e Autodesk ha creato per loro una suite di strumenti 3D appositi per soddisfare le loro esigenze.

Non sarà inusuale, nel prossimo futuro, vedere architetti impegnati nella progettazione di edifici virtuali.

Shopify (SHOP)

Il metaverso non sarà soltanto riunioni di lavoro e incontri tra amici, o competizioni in giochi 3D. La nuova realtà permetterà la nascita di supermercati virtuali dove poter comprare di tutto, e in seguito i prodotti giungeranno fisicamente a casa nostra.

Se così stanno le cose, per acquistare serviranno monete digitali come le criptovalute ma anche processori di pagamento esperti nella gestione delle compravendite tra privati e commercianti, e piattaforme di e-commerce VR. In questo segmento si inserisce appunto Shopify (SHOP).

Unity Software (U)

La società di sviluppo software ha permesso a milioni di sviluppatori di creare i propri giochi per PC prima, e per applicazioni mobile in seguito.

Unity Software (U) è in prima fila con la sua piattaforma, per consentire la creazione degli ambienti e delle costruzioni necessarie per realizzare i mondi cyberfisici del metaverso.

Microsoft (MSFT)

Il nuovo corso di Microsoft (MSFT) impostato dal CEO Satya Nadella, ha trasformato la società di Bill Gates consentendole un salto nel presente per prepararsi al futuro.

Da produttore di software per PC e sistemi operativi, oggi l’azienda è un big del cloud computing. Attraverso la sua piattaforma cloud Azure, oggi Microsoft distribuisce tutti i suoi prodotti digitali.

Di recente, ha lanciato anche la sua suite di prodotti per la realizzazione degli ambienti del metaverso. E non dimentichiamo che da anni Microsoft sviluppa HoloLens, un dispositivo per la realtà aumentata dedicato all’industria.

Matterport (MTTR)

Se da un lato gli architetti nei prossimi anni troveranno lavoro nella realizzazione di costruzioni virtuali (e che acquisiranno anche molto valore), dall’altro si svilupperà la trasposizione di edifici reali nel mondo virtuale.

In questa nicchia si inserisce Matterport (MTTR), specializzata nella produzione di software per la cattura video di edifici. La società fornisce un servizio a 360 gradi nella produzione in virtuale degli edifici, e loro gestione sul lato hardware e software.

La società è in borsa attraverso una SPAC.

Roundhill Ball Metaverse ETF (META)

I titoli di cui sopra, nella maggior parte dei casi sono molto costosi. Fanno eccezione Fastly e Matterport che si contengono sotto i 50 dollari. Tutti gli altri richiedono ben oltre i 100 dollari per acquistare una sola azione e si superano abbondantemente i mille USD nel caso di Shopify.

Qui interviene il nuovissimo Roundhill Ball Metaverse ETF (META), un ETF che replica passivamente l’andamento dell’indice Ball Metaverse Index.

Nel paniere troviamo anche Nvidia, Roblox, Unity, ma anche Cloudflare, Tencent, Sea e Snap. Ed ancora Apple, Qualcomm, Amazon, Meta Platforms, Microsoft.

Decentraland

Decentraland (MANA) è uno dei primi progetti dedicati al metaverso nel settore blockchain. Nato verso la fine del 2017, oggi il progetto e il valore del suo token hanno acquisito un interessante valore grazie alla spinta della finanza decentralizzata e dello sviluppo dell’ecosistema.

L’originalità del progetto, sta nel suo essere decentralizzato e quindi non gestito centralmente da un soggetto. Le potenzialità della piattaforma sono interessanti.

Futuro del metaverso

Secondo più fonti di analisi, entro il 2025 il mercato del metaverso dovrebbe raggiungere tra i 400 e gli 800 miliardi di dollari. 400 mld per ARK research e 800 mld per Bloomberg Intelligence.

Farsi trovare preparati per investire nel metaverso e approfittarne da early adopter, potrebbe tra qualche anno permettere di festeggiare interessanti guadagni.

This article was originally posted on FX Empire

More From FXEMPIRE:

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli