Italia markets open in 6 hours 40 minutes
  • Dow Jones

    34.200,67
    +164,67 (+0,48%)
     
  • Nasdaq

    14.052,34
    +13,54 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    29.672,06
    -11,31 (-0,04%)
     
  • EUR/USD

    1,1970
    -0,0010 (-0,08%)
     
  • BTC-EUR

    46.810,78
    -4.577,94 (-8,91%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.263,40
    -128,31 (-9,22%)
     
  • HANG SENG

    28.969,71
    +176,61 (+0,61%)
     
  • S&P 500

    4.185,47
    +15,05 (+0,36%)
     

Ismea: nel 2020 produzione di 12,6 mld di uova

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

L'Italia con una produzione stimata di uova da consumo pari a circa 796mila tonnellate è tra i principali player a livello europeo, un gradino sotto il podio che vede ai primi tre posti Francia, Germania e Spagna. La produzione italiana nel 2020 dovrebbe attestarsi su oltre 12,6 miliardi di uova, pari a circa 796mila tonnellate di prodotto, per un corrispettivo di poco inferiore a 1,4 miliardi di euro per la sola parte agricola. La produzione nel 2020 è stata garantita da 41 milioni di galline ovaiole accasate in oltre 2.600 allevamenti, di cui 1.444 di grandi dimensioni (con più di mille capi). E' quanto emerge da un report di Ismea.

Il 75% del patrimonio animale è concentrato nel Nord Italia soprattutto in Veneto, Lombardia e Emilia-Romagna, dove si trovano rispettivamente il 25%, 24% e 18% del patrimonio nazionale; al Sud, è la Sicilia a rappresentare il polo di riferimento con quasi tre milioni di capi, pari al 7% delle consistenze nazionali, mentre al Centro la prima regione produttrice è il Lazio con quasi due milioni di capi, pari al 5% delle ovaiole allevate.

Secondo i dati registrati in Anagrafe Nazionale, nel 2020 il 49% dei capi in deposizione è allevato "a terra", il 42% in allevamenti con "gabbie arricchite", il 4% in allevamenti all'aperto e il 5% in allevamenti biologici.

In Italia, così come in molti altri Paesi Comunitari è da tempo in corso un processo di graduale contrazione dell'offerta di uova provenienti da allevamenti in gabbie arricchite. Nel 2020 la quota nazionale di uova provenienti da questo tipo di allevamento (42%) è largamente inferiore alla media europea (49,5%), e in contrazione del 41% rispetto al 2011 quando, in assenza di una normativa specifica, l'allevamento in gabbie rappresentava il 71%. La percentuale di allevamenti in gabbie arricchite in Italia nel 2020, risulta in riduzione anche nel confronto con l'anno precedente, quando era del 45%. Rimangono invece meno del 10% i capi che passano parte della giornata all'aria aperta, contro una media europea del 18%.

I capi allevati all'aperto sono circa tre milioni e mezzo e quasi due milioni di questi sono certificati come biologici, allevati quindi in maniera estensiva e alimentati esclusivamente con mangimi biologici. La regione più bio è l'Emilia-Romagna, dove nel 2020 erano presenti oltre 712mila galline bio, pari al 10% degli oltre 7 milioni di capi allevati in regione. Segue il Lazio con quasi 390mila capi bio e altri 580mila capi allevati all'aperto (nel complesso circa il 50% dei capi totali allevati in regione).