Italia markets open in 3 hours 11 minutes
  • Dow Jones

    33.745,40
    -55,20 (-0,16%)
     
  • Nasdaq

    13.850,00
    -50,19 (-0,36%)
     
  • Nikkei 225

    29.848,41
    +309,68 (+1,05%)
     
  • EUR/USD

    1,1898
    -0,0020 (-0,17%)
     
  • BTC-EUR

    51.013,37
    +468,73 (+0,93%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.296,39
    +1,81 (+0,14%)
     
  • HANG SENG

    28.792,94
    +339,66 (+1,19%)
     
  • S&P 500

    4.127,99
    -0,81 (-0,02%)
     

Israele pronto a una "guerra sotterranea" con Gaza

·2 minuto per la lettura

AGI - Le forze armate israeliane hanno costruito un muro di cemento sotterraneo al confine con la Striscia di Gaza per impedire a eventuali terroristi di entrare in Israele attraverso i tunnel transfrontalieri.

Secondo quanto riporta il Jerusalem Post, il muro di cemento è solo uno dei componenti della barriera lunga 60 km, che comprende anche una recinzione fuori terra, sensori avanzati sia sopra che sotto terra e tecnologie all'avanguardia pensate per affrontare la minaccia dei tunnel e fermare le infiltrazioni terroristiche.

Fonti delle forze armate sentite dal quotidiano israeliano hanno affermato che quasi il 95% della barriera è stato completato e che a breve sarà operativo. Lo stato maggiore israeliano ritiene che Hamas abbia un complesso sistema di tunnel sotterranei in tutta la Striscia di Gaza, che potrebbe essere utilizzato per attaccare i soldati israeliani in una potenziale battaglia nella Striscia. Di conseguenza, i militari israeliani si stanno preparando per una guerra in superficie e sotto terra.

Il "libro viola"

Secondo il Jerusalem Post, Yahalom, l'unità di élite del genio, e altri reparti hanno imparato dalle esperienze passate e si ritiene che padroneggino le abilità necessarie per controllare la sfera sotterranea. Questa notizia arriva quando il comando meridionale e la 162a divisione israeliana hanno completato i preparativi e una serie di esercitazioni in vista di un possibile confronto con Hamas e la Jihad islamica palestinese nella Striscia di Gaza.

Negli ultimi anni, sia il comando meridionale sia la 162a divisione hanno lavorato per comprendere e analizzare le caratteristiche di un futuro confronto a Gaza sulla base dell'esperienza delle sue unità nell'operazione "Piombo fuso" nel 2009, nell'operazione "Margine protettivo" nel 2014 e nell'intelligence che viene costantemente raccolto a Gaza.

Tutti questi sono stati assemblati in un libro che è stato intitolato il "Libro viola", dal colore della Brigata Givati , una delle unità principali del Comando meridionale che ha svolto un ruolo significativo nelle operazioni passate nella Striscia di Gaza. Il "libro" è un manuale di istruzioni per i comandanti che serve come base per operare in guerra e quali strumenti dovrebbero essere utilizzati per superare le sfide previste.