Italia markets close in 5 hours 2 minutes
  • FTSE MIB

    23.781,41
    +99,84 (+0,42%)
     
  • Dow Jones

    31.802,44
    +306,14 (+0,97%)
     
  • Nasdaq

    12.609,16
    -310,99 (-2,41%)
     
  • Nikkei 225

    29.027,94
    +284,69 (+0,99%)
     
  • Petrolio

    65,71
    +0,66 (+1,01%)
     
  • BTC-EUR

    45.386,41
    +3.114,79 (+7,37%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.091,82
    +67,62 (+6,60%)
     
  • Oro

    1.702,40
    +24,40 (+1,45%)
     
  • EUR/USD

    1,1916
    +0,0064 (+0,54%)
     
  • S&P 500

    3.821,35
    -20,59 (-0,54%)
     
  • HANG SENG

    28.773,23
    +232,40 (+0,81%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.782,96
    +19,72 (+0,52%)
     
  • EUR/GBP

    0,8578
    +0,0008 (+0,10%)
     
  • EUR/CHF

    1,1087
    -0,0004 (-0,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,5002
    +0,0008 (+0,06%)
     

Istat: calano matrimoni e divorzi, aumentano nozze civili

Primo Piano
·1 minuto per la lettura

Sempre più raramente ci si sposa in chiesa e sempre più spesso si sceglie, invece, il comune. È quanto emerge dall'ultimo rapporto Istat sulle unioni in Italia. L'anno di riferimento è il 2019, quando sono stati celebrati in tutto 184.088 matrimoni, 11.690 in meno rispetto all’anno precedente (-6,0%). Le nozze celebrate con il rito civile (96.789 in totale) sono passate dal 2,3% del 1970 al 36,7% del 2008 fino al 52,6% del 2019. I matrimoni in comune sono 2 su 3 al Nord e circa 1 su 3 al Sud.

VIDEO - Roma, la protesta delle spose mancate

Sono celebrate prevalentemente con rito civile le seconde nozze e successive (94,8%) e i matrimoni con almeno uno sposo straniero (90,3%). Il fatto che il comune sia scelto sempre più spesso, quindi, è in parte spiegabile con la corrispondente crescita di queste tipologie di matrimonio. Il rito civile, comunque, si sta confermando di frequente anche nei primi matrimoni (dal 27,9% del 2008 al 41,6% del 2019).

VIDEO - Germania: per aggirare il Covid ci si sposa al drive-in

Numeri Istat alla mano, risultano in calo anche i divorzi (85.349, -13,9% rispetto al 2016, anno di massimo relativo) dopo il boom dovuto agli effetti delle norme introdotte nel 2014 e nel 2015 che hanno semplificato e velocizzato le procedure, mentre le separazioni rimangono stabili (97.474).

VIDEO - Matrimoni: ci si sposa di più, ma più tardi