Italia markets close in 5 hours 53 minutes
  • FTSE MIB

    23.754,68
    +73,11 (+0,31%)
     
  • Dow Jones

    31.802,44
    +306,14 (+0,97%)
     
  • Nasdaq

    12.609,16
    -310,99 (-2,41%)
     
  • Nikkei 225

    29.027,94
    +284,69 (+0,99%)
     
  • Petrolio

    65,75
    +0,70 (+1,08%)
     
  • BTC-EUR

    45.473,14
    +3.493,29 (+8,32%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.093,41
    +69,21 (+6,76%)
     
  • Oro

    1.699,70
    +21,70 (+1,29%)
     
  • EUR/USD

    1,1906
    +0,0054 (+0,45%)
     
  • S&P 500

    3.821,35
    -20,59 (-0,54%)
     
  • HANG SENG

    28.773,23
    +232,40 (+0,81%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.773,97
    +10,73 (+0,29%)
     
  • EUR/GBP

    0,8583
    +0,0013 (+0,15%)
     
  • EUR/CHF

    1,1101
    +0,0009 (+0,09%)
     
  • EUR/CAD

    1,5008
    +0,0014 (+0,09%)
     

Istat: crolla export extra Ue, -9,9% nel 2020. Mai così male da 2009

Red
·1 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 27 gen. (askanews) - Nel complesso il 2020 si chiude con una contrazione dell'export extra Ue del 9,9%, la più ampia dal 2009, spiegata per oltre 6 punti percentuali dal calo delle vendite di beni strumentali e beni di consumo non durevoli. Lo ha reso noto l'Istat.

La contrazione, diffusa a tutti i principali mercati di sbocco, è inferiore alla media per Svizzera, Stati Uniti, Cina e Giappone; India, paesi Asean e paesi Opec mostrano, invece, le flessioni più ampie.

Per l'import, nel complesso l'anno si chiude con una caduta del 15,3%, su cui pesa per oltre due terzi il crollo degli acquisti di prodotti energetici.

A dicembre 2020 si stima, per l'interscambio commerciale con i paesi extra Ue27 , una diminuzione congiunturale per entrambi i flussi, più ampia per le esportazioni (-4,6%) rispetto alle importazioni (-1,3%).

Sempre a dicembre 2020, l'export cresce su base annua del 3,1% (era +2% a novembre), trainato dalle vendite di beni strumentali (+7,8%), beni di consumo durevoli (+6,9%) e beni intermedi (+4,3%). L'import segna un'attenuazione della flessione (-3,7%, dal -5,9% di novembre), cui contribuisce soprattutto l'aumento su base annua degli acquisti di beni di consumo durevoli (+20,9%) e beni intermedi (+17%) che contrasta parzialmente la caduta delle importazioni di energia (-34,4%).

La stima del saldo commerciale a dicembre 2020 è pari a +7.907 (era +6.801 milioni a dicembre 2019). Aumenta l'avanzo nell'interscambio di prodotti non energetici (da +9.912 milioni per dicembre 2019 a +9.922 milioni per dicembre 2020).

Mlp