Italia markets close in 33 minutes
  • FTSE MIB

    22.926,99
    -156,56 (-0,68%)
     
  • Dow Jones

    31.442,75
    +51,23 (+0,16%)
     
  • Nasdaq

    13.187,61
    -171,17 (-1,28%)
     
  • Nikkei 225

    29.559,10
    +150,93 (+0,51%)
     
  • Petrolio

    61,34
    +1,59 (+2,66%)
     
  • BTC-EUR

    41.962,68
    +998,37 (+2,44%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.014,27
    +26,18 (+2,65%)
     
  • Oro

    1.703,70
    -29,90 (-1,72%)
     
  • EUR/USD

    1,2077
    -0,0010 (-0,08%)
     
  • S&P 500

    3.850,01
    -20,28 (-0,52%)
     
  • HANG SENG

    29.880,42
    +784,56 (+2,70%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.697,91
    -9,81 (-0,26%)
     
  • EUR/GBP

    0,8642
    -0,0014 (-0,17%)
     
  • EUR/CHF

    1,1074
    +0,0017 (+0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,5245
    -0,0026 (-0,17%)
     

Istat: debolezza industria a dicembre, decisi segnali negativi da lavoro

Redazione Finanza
·1 minuto per la lettura

"A dicembre è proseguita la fase di debolezza della produzione industriale italiana evidenziata anche dalla riduzione dell’indice di diffusione tra i settori. Indicazioni complessivamente positive si registrano per gli ordinativi esteri e le esportazioni". È quanto si legge nella nota mensile dell'Istat sull’andamento dell’economia italiana. Soffermandosi sul mercato del lavoro, "a dicembre ha mostrato decisi segnali negativi, con un calo congiunturale dell’occupazione e un aumento della disoccupazione e dell’inattività, interrompendo il processo di recupero dei mesi precedenti". L’Istat segnala inoltre che l'attenuazione della dinamica deflativa della componente energetica e la moderata crescita dell’inflazione nei servizi, a gennaio, hanno riportato su valori positivi la variazione annua dei prezzi al consumo. E infine a gennaio, gli indici di fiducia hanno segnato una sostanziale stabilizzazione delle aspettative: al lieve calo della fiducia dei consumatori si è accompagnato un moderato aumento di quella delle imprese.