Italia markets closed

Istat, Furlan: politica rifletta su crollo nascite ed emigrazione

Vis

Roma, 11 feb. (askanews) - "Ha ragione il nostro presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: bisogna contrastare il crollo della natalità perchè con meno famiglie il nostro paese è molto più debole e fragile". Lo scrive sulla pagina Facebook della Cisl il segretaria generale della Cisl, Annamaria Furlan, commentando l'appello del capo dello Stato.

"Dall'Istat emerge un quadro davvero allarmante che dovrebbe far riflettere tutta la classe politica e dirigente del Paese - dice - nel 2019 in Italia sono nati solo 435mila bambini, il dato più basso mai registrato. Siamo il paese in Europa che fa meno figli, con un calo preoccupante delle nascite in particolare nelle regioni del Sud, dove continua l'esodo costante di migliaia di giovani verso altre regioni, come avveniva nei primi anni del novecento".

Secondo Furlan "il vero problema sociale ed economico del nostro Paese è oggi rappresentato dall'emigrazione interna e non dall'immigrazione come viene invece alimentato da una falsa propaganda. Il tema da affrontare con interventi urgenti e straordinari oggi è quello della crescita zero del paese, come dimostrano anche i dati negativi di ieri sulla produzione industriale, la scarsità di investimenti pubblici e privati, i cantieri fermi, la mancanza di una politica a favore della natalità, della famiglia ed il lavoro delle donne. Di queste cose dovrebbe occuparsi la politica che invece discute e si divide su temi che non sono certo una priorità né per il paese , né per gli italiani".