Italia markets close in 7 hours 50 minutes
  • FTSE MIB

    26.118,60
    +149,76 (+0,58%)
     
  • Dow Jones

    34.798,00
    +33,20 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    15.047,70
    -4,50 (-0,03%)
     
  • Nikkei 225

    30.240,06
    -8,75 (-0,03%)
     
  • Petrolio

    74,79
    +0,81 (+1,09%)
     
  • BTC-EUR

    37.442,80
    +1.677,75 (+4,69%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.091,84
    -11,22 (-1,02%)
     
  • Oro

    1.758,80
    +7,10 (+0,41%)
     
  • EUR/USD

    1,1708
    -0,0010 (-0,08%)
     
  • S&P 500

    4.455,48
    +6,50 (+0,15%)
     
  • HANG SENG

    24.186,25
    -5,91 (-0,02%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.188,01
    +29,50 (+0,71%)
     
  • EUR/GBP

    0,8550
    -0,0022 (-0,25%)
     
  • EUR/CHF

    1,0848
    +0,0015 (+0,14%)
     
  • EUR/CAD

    1,4777
    -0,0050 (-0,34%)
     

Istat: mercato lavoro torna a crescere in trim2 ma resta sotto livelli pre-Covid

·2 minuto per la lettura
Diverse persone dirette verso l'uscita della metropolitana di Roma

ROMA (Reuters) - Il mercato del lavoro italiano torna a crescere nel secondo trimestre rispetto allo stesso periodo 2020, anche se l'occupazione si mantiene sotto i livelli pre-Covid.

Secondo i numeri trimestrali sul settore diffusi stamani da Istat, nel periodo aprile-giugno "l'occupazione torna a crescere (+523mila rispetto al secondo trimestre 2020, +2,3%), dopo cinque trimestri di progressivo calo, in un contesto di generale riattivazione del mercato del lavoro".

Rispetto però al secondo trimestre 2019, si registrano 678.000 occupati in meno: "in particolare, le donne occupate sono 370mila in meno (-3,7% rispetto a -2,3% degli uomini) e il tasso di occupazione femminile, al 49,3%, è ancora inferiore di 1,4 punti (-1 punto, al 67,1%, per gli uomini)".

In marcata crescita nel secondo trimestre 2021 l'occupazione giovanile, anche se tra i 15-34enni gli occupati sono ancora 199.000 in meno rispetto allo stesso periodo 2019 (-3,8%).

L'aumento dell'occupazione che caratterizza il secondo trimestre riguarda esclusivamente il lavoro dipendente a tempo determinato, il più colpito all'inizio della pandemia.

Continuano a diminuire i dipendenti a tempo indeterminato (-202.000 unità, -1,3% rispetto al secondo trimestre 2019) e i lavoratori autonomi senza dipendenti (-273mila, pari a -6,9%).

Guardando alle ore di lavoro, i dati fotografano un incremento del 3,9% rispetto al trimestre precedente e del 20,8% rispetto allo stesso periodo 2020.

"Dal lato delle imprese, nel secondo trimestre 2021 prosegue la crescita delle posizioni lavorative dipendenti che, in termini congiunturali, segnano un aumento dello 0,7% nel totale. Il segnale positivo caratterizza sia la componente a tempo pieno (+0,6%) sia quella a tempo parziale (+0,9%), con una maggiore accelerazione di quest'ultima".

(Antonella Cinelli, in redazione a Roma Valentina Consiglio)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli