Italia markets closed
  • Dow Jones

    33.785,52
    -483,64 (-1,41%)
     
  • Nasdaq

    13.084,72
    -304,71 (-2,28%)
     
  • Nikkei 225

    28.147,51
    -461,08 (-1,61%)
     
  • EUR/USD

    1,2077
    -0,0075 (-0,62%)
     
  • BTC-EUR

    45.545,25
    -1.450,36 (-3,09%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.484,10
    -79,73 (-5,10%)
     
  • HANG SENG

    28.231,04
    +217,23 (+0,78%)
     
  • S&P 500

    4.081,05
    -71,05 (-1,71%)
     

Istat: nel III trimestre Pil cresce del 16,1%, recupero consistente

Mlp
·1 minuto per la lettura

Roma, 30 ott. (askanews) - L'economia italiana è ripartita. Nel terzo trimestre del 2020 il prodotto interno lordo (Pil), corretto per gli effetti di calendario e destagionalizzato, è aumentato del 16,1% rispetto al trimestre precedente, mentre è diminuito del 4,7% in termini tendenziali. E' la stima preliminare del Pil diffusa dall'Istat. Il "marcato recupero del terzo trimestre - è il commento dell'Istat - riporta il volume del Pil ai livelli registrati nella prima metà del 2015". Il terzo trimestre del 2020 ha avuto quattro giornate lavorative in più rispetto al trimestre precedente e una giornata lavorativa in più rispetto al terzo trimestre del 2019. La variazione congiunturale è la sintesi di un aumento del valore aggiunto sia nel comparto dell'agricoltura, silvicoltura e pesca, sia in quello dell'industria, sia in quello dei servizi. Dal lato della domanda, vi è un contributo positivo sia della componente nazionale (al lordo delle scorte), sia di quella estera netta. La variazione acquisita per il 2020 è pari a -8,2%. "L'economia italiana, dopo la forte contrazione registrata nella prima metà dell'anno per gli effetti economici dell'emergenza sanitaria registra - ha osservato l'Istat - un consistente recupero nel terzo trimestre, misurato da una crescita congiunturale del Pil pari a 16,1%". La ripresa "è diffusa a tutti i comparti economici e dal lato della domanda è trainata sia dalla componente nazionale (al lordo delle scorte), sia dalla componente estera. A causa delle flessioni dei precedenti due trimestri dell'anno, nel confronto con il terzo trimestre del 2019 la variazione resta negativa nella misura del 4,7%".