Italia markets closed

Istat:oltre 2 mln italiani lamentano disservizi in erogazione acqua

Mlp

Roma, 20 mar. (askanews) - Nel 2019 si attesta all'8,6% la quota di famiglie che lamentano irregolarità nel servizio di erogazione dell'acqua nelle loro abitazioni. È un valore in lieve calo rispetto al 2018 e molto distante dai picchi rilevati a partire dal 2002 e, soprattutto, da quello del 2003 (17%). Il disservizio investe in misura diversa le regioni e interessa quasi 2 milioni 198 mila famiglie, il 61,9% delle quali, poco meno di 1 milione 400 mila, vive nelle regioni del Mezzogiorno. E' quanto emerge d un report dell'Istat sull'acqua.

La Calabria, pur rimanendo la regione con la quota più elevata di famiglie (31,2%) che lamentano l'inefficienza del servizio, registra comunque un deciso miglioramento (una diminuzione di 8 punti percentuali rispetto all'anno precedente). Quote esigue si registrano al Nord-ovest e Nord-est (3,0% e 3,2%), mentre al Centro meno di una famiglia su dieci dichiara che il servizio di erogazione è irregolare.

Il problema dell'irregolarità nell'erogazione dell'acqua si presenta durante tutto l'anno per il 35,9% delle famiglie, per il 32,2% solo nel periodo estivo e per il 30,6% è sporadico. Oltre la metà delle famiglie (52,7%) considera adeguati i costi sostenuti per l'erogazione dell'acqua mentre il 39,9% li giudica elevati. Gli insoddisfatti toccano il 51,6% nelle Isole, il 45% al Centro e al Sud. Livelli molto più bassi si registrano nel Nord-ovest e nel Nord-est (33,5% e 34,3%).