Italia markets close in 1 hour 5 minutes
  • FTSE MIB

    25.303,35
    -94,37 (-0,37%)
     
  • Dow Jones

    33.845,94
    -31,03 (-0,09%)
     
  • Nasdaq

    14.155,46
    +13,97 (+0,10%)
     
  • Nikkei 225

    28.884,13
    +873,20 (+3,12%)
     
  • Petrolio

    73,84
    +0,18 (+0,24%)
     
  • BTC-EUR

    24.848,54
    -2.754,18 (-9,98%)
     
  • CMC Crypto 200

    699,39
    -94,94 (-11,95%)
     
  • Oro

    1.776,60
    -6,30 (-0,35%)
     
  • EUR/USD

    1,1910
    -0,0014 (-0,12%)
     
  • S&P 500

    4.228,07
    +3,28 (+0,08%)
     
  • HANG SENG

    28.309,76
    -179,24 (-0,63%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.111,46
    -0,87 (-0,02%)
     
  • EUR/GBP

    0,8559
    +0,0009 (+0,11%)
     
  • EUR/CHF

    1,0948
    +0,0012 (+0,11%)
     
  • EUR/CAD

    1,4733
    +0,0003 (+0,02%)
     

Istat: Pil 2019 a +0,2%, lieve accelerazione nel 2020 a +0,6%

Roma, 4 dic. (askanews) - Nel 2019, il prodotto interno lordo (Pil) è previsto aumentare dello 0,2% in termini reali, in deciso rallentamento rispetto all'anno precedente (+0,8% nel 2018). La crescita del Pil risulterebbe in lieve accelerazione nel 2020 (+0,6%). Lo ha reso noto l'Istat che ha diffuso Le prospettive per l'economia italiana nel 2019-2020. Nell'anno corrente, la domanda interna al netto delle scorte fornirebbe un contributo positivo alla crescita del Pil pari a 0,8 punti percentuali; l'apporto della domanda estera netta risulterebbe moderatamente positivo (+0,2 punti percentuali) mentre la variazione delle scorte fornirebbe un impulso ampiamente negativo (-0,8 p.p.). Nel 2020, il contributo della domanda interna si manterrebbe su livelli simili a quelli dell'anno corrente (+0,7 p.p.), la domanda estera netta contribuirebbe ancora positivamente (+0,1 p.p.) mentre le scorte fornirebbero un contributo negativo ma di intensità contenuta (-0,2 p.p.).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli