Italia markets open in 3 hours 39 minutes
  • Dow Jones

    33.815,90
    -321,41 (-0,94%)
     
  • Nasdaq

    13.818,41
    -131,81 (-0,94%)
     
  • Nikkei 225

    28.983,31
    -204,86 (-0,70%)
     
  • EUR/USD

    1,2026
    +0,0009 (+0,07%)
     
  • BTC-EUR

    41.415,70
    -2.918,48 (-6,58%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.128,01
    -115,04 (-9,25%)
     
  • HANG SENG

    29.039,53
    +284,19 (+0,99%)
     
  • S&P 500

    4.134,98
    -38,44 (-0,92%)
     

Istat: pressione fiscale sale al 52%, calano redditi e consumi delle famiglie

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·2 minuto per la lettura

Sale la pressione fiscale, calano redditi e consumi delle famiglie. Lo rileva l'Istat. La pressione fiscale è stata pari al 52,0%, in crescita di 1,3 punti percentuali nel quarto trimestre del 2020, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, nonostante la riduzione delle entrate fiscali e contributive.

Nel quarto trimestre il reddito disponibile delle famiglie consumatrici è diminuito dell‘1,8% rispetto al trimestre precedente, e i relativi consumi finali del 2,5%. Di conseguenza, la propensione al risparmio delle famiglie consumatrici è stata pari al 15,2%, in aumento di 0,5 punti percentuali rispetto al trimestre precedente. Inoltre, rende noto l'Istituto di statistica, a fronte di un incremento dello 0,2% del deflatore implicito dei consumi, il potere d’acquisto delle famiglie è diminuito rispetto al trimestre precedente del 2,1%.

"Il reddito disponibile delle famiglie ha segnato, dopo il recupero del terzo trimestre, un nuovo calo che si è tradotto in una riduzione del potere di acquisto. Il tasso di risparmio è nuovamente aumentato nel quarto trimestre, per la più accentuata contrazione della spesa per consumi finali delle famiglie" scrive l'Istat a commento dei dati.

Nel quarto trimestre 2020 l’indebitamento netto delle Amministrazioni Pubbliche in rapporto al Pil è stato pari al 5,2%; nello stesso periodo dell’anno precedente risultava un accreditamento dell’1,9%, rileva l'Istat. Il saldo primario delle AP (indebitamento al netto degli interessi passivi) è risultato negativo, con un’incidenza sul Pil del -1,9% (+5,2% nel quarto trimestre del 2019), mentre il saldo corrente delle AP è stato positivo, con un’incidenza sul Pil dell’1,5% (+5,6% nel quarto trimestre del 2019). "Come nei primi nove mesi dell’anno, l’incidenza del deficit delle Amministrazioni pubbliche sul Pil è sensibilmente aumentata in termini tendenziali per la riduzione delle entrate e per il consistente aumento delle uscite, dovuto alle misure di sostegno al reddito di famiglie e imprese" commenta l'Istat.

Nel quarto trimestre del 2020 la quota di profitto delle società non finanziarie, pari al 43,6%, è rimasta stabile rispetto al terzo trimestre del 2020. Il tasso di investimento, pari al 21,6%, è invece aumentato su base congiunturale di 0,6 punti percentuali.