Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.219,76
    +345,52 (+1,02%)
     
  • Nasdaq

    14.367,52
    +95,79 (+0,67%)
     
  • Nikkei 225

    28.875,23
    +0,34 (+0,00%)
     
  • EUR/USD

    1,1937
    +0,0004 (+0,04%)
     
  • BTC-EUR

    29.211,59
    +950,61 (+3,36%)
     
  • CMC Crypto 200

    838,92
    +52,30 (+6,65%)
     
  • HANG SENG

    28.882,46
    +65,39 (+0,23%)
     
  • S&P 500

    4.268,16
    +26,32 (+0,62%)
     

Istat: produzione industria balza ad aprile, supera livelli pre-pandemia

·2 minuto per la lettura
La bandiera italiana a Palazzo Chigi a Roma

ROMA (Reuters) - Ad aprile, col quinto mese consecutivo di crescita congiunturale, il livello dell'indice destagionalizzato della produzione industriale italiana supera i livelli prepandemici di febbraio 2020, secondo i dati diffusi stamani da Istat.

Nel mese in esame la produzione, considerata un buon anticipatore del Pil, ha segnato un rialzo su mese dell'1,8% dal +0,3% (rivisto da -0,1%) di marzo.

Le attese erano per un incremento dello 0,3%.

A perimetro annuo si registra un aumento del 79,5% - in ragione del dato eccezionalmente basso di aprile 2020 - da confrontare con il +38,4% (rivisto da +37,7%) del mese precedente.

Il consensus convergeva su un +72,2%.

Nella media del periodo febbraio-aprile il livello della produzione cresce dell'1,9% rispetto ai tre mesi precedenti.

Tutti i principali settori di attività registrano incrementi su base mensile, tra cui spicca quello osservato per i beni strumentali.

In termini tendenziali, l'indice corretto per gli effetti di calendario registra fortissimi incrementi per quasi tutti i settori, dovuti ai livelli produttivi particolarmente bassi dell'aprile dello scorso anno quando ebbero luogo le maggiori restrizioni all'attività produttiva per il contenimento dell'epidemia di Covid.

La crescita più ampia caratterizza i settori delle industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori (+363,2%), della fabbricazione di mezzi di trasporto (+327,3%), delle altre industrie (+160,9%), della fabbricazione di articoli in gomma e materie plastiche (+149,3%) e della metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (+132,8%).

Questo mese Istat ha rivisto al rialzo il Pil 2021 a +4,7% dal precedente 4,0%, e ha stimato la crescita per il prossimo anno al 4,4%.

Il governo stima una crescita quest'anno del 4,5%, dopo la flessione dell'8,9% registrata dal Pil nel 2020 a causa della crisi.

Seguono i dettagli forniti dall'Istituto:

PRODUZIONE INDUSTRIALE APR MAR FEB

Variazione % m/m (destag.) 1,8 0,3r 0,1

Variazione % a/a (corr. per calend.) 79,5 38,4r -0,8

Variazione % a/a (grezzo) 81,0 41,6r -1,5

NOTA: BASE 2015=100

Istat ha fornito i seguenti dati sulla produzione per raggruppamento principale di industrie (% su mese):

Beni di consumo 0,5

Beni strumentali 3,1

Beni intermedi 1,1

Energia 2,4

(Valentina Consiglio, in redazione a Roma Antonella Cinelli)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli