Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.880,24
    +618,34 (+1,98%)
     
  • Nasdaq

    11.535,27
    +180,66 (+1,59%)
     
  • Nikkei 225

    27.001,52
    +262,49 (+0,98%)
     
  • EUR/USD

    1,0695
    +0,0133 (+1,26%)
     
  • BTC-EUR

    27.321,09
    -941,98 (-3,33%)
     
  • CMC Crypto 200

    656,08
    -18,79 (-2,78%)
     
  • HANG SENG

    20.470,06
    -247,18 (-1,19%)
     
  • S&P 500

    3.973,75
    +72,39 (+1,86%)
     

Istat, produzione industria ferma a marzo ma meglio di attese, trim1 -0,9%

Palazzo Chigi a Roma, illuminata con il tricolore italiano

ROMA (Reuters) - Dopo il rimbalzo di febbraio, la produzione industriale italiana si mostra invariata su base congiunturale a marzo, chiudendo il primo trimestre con un ribasso dello 0,9% rispetto ai tre mesi precedenti.

Secondo dati diffusi stamani da Istat, l’indice destagionalizzato rimane immutato su mese in marzo - nettamente meglio delle attese che lo ipotizzavano in calo dell'1,9% - mentre corretto per gli effetti di calendario sale su anno del 3,0% contro stime pari a +1,3% (i giorni lavorativi di calendario sono stati 23 come a marzo 2021).

A febbraio la produzione aveva segnato un progresso mensile del 4,0% a fronte di un incremento annuo pari al 3,4% (rivisto).

Nel mese osservato, scrive l'Istituto nella nota che accompagna i numeri, si registra un aumento congiunturale sostenuto per l’energia (+2,7%) e una crescita più contenuta per i beni di consumo (+1,0%) e i beni strumentali (+0,4%). Viceversa, sono in diminuzione i beni intermedi (-0,7%).

I settori di attività economica che registrano gli incrementi tendenziali più ampi sono le industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori (+15,0%), la fabbricazione di computer e prodotti di elettronica (+7,5%) e la fabbricazione di macchinari e attrezzature (+7,4%). Le flessioni tendenziali maggiori si registrano nelle attività estrattive (-9,0%), nella fabbricazione di mezzi di trasporto (-3,0%) e nella metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (-1,8%).

Nel consueto 'Macro Rapid Response' di Intesa SanPaolo Paolo Mameli evidenzia che nel primo trimestre "l'industria in senso stretto sembra essere stata pressoché interamente responsabile del calo del Pil di -0,2%".

L'economista segnala comunque che "l'Italia resta l'unico tra i 4 principali Paesi dell'Eurozona ad aver più che recuperato i livelli di produzione industriale pre-pandemici (+2,7% rispetto ai livelli di febbraio 2020)".

Per Prometeia la produzione industriale dovrebbe tornare a crescere nel secondo trimestre dell'anno, anche se con un modesto 0,1%, rispetto al periodo precedente.

(Valentina Consiglio, editing Antonella Cinelli, Sabina Suzzi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli