Italia markets open in 8 hours 26 minutes
  • Dow Jones

    34.152,01
    +239,61 (+0,71%)
     
  • Nasdaq

    13.102,55
    -25,55 (-0,19%)
     
  • Nikkei 225

    28.868,91
    -2,89 (-0,01%)
     
  • EUR/USD

    1,0174
    +0,0009 (+0,09%)
     
  • BTC-EUR

    23.484,28
    -368,43 (-1,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    569,15
    -2,76 (-0,48%)
     
  • HANG SENG

    19.830,52
    -210,38 (-1,05%)
     
  • S&P 500

    4.305,20
    +8,06 (+0,19%)
     

Istat, produzione industriale -2,1% a giugno. II trim. +1,2%

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 5 ago. (askanews) - L'indice destagionalizzato della produzione industriale a giugno scorso diminuisce del 2,1% rispetto a maggio. Lo rende noto l'Istat precisando che nel secondo trimestre il livello della produzione segna comunque un +1,2% rispetto ai tre mesi precedenti.

"A giugno - sottolinea l'Istituto di statistica - si rileva, per il secondo mese consecutivo, una flessione congiunturale dell'indice destagionalizzato della produzione industriale. La dinamica negativa è estesa a quasi tutti i settori, con l'eccezione di quello dell'energia. Se guardiamo al secondo trimestre nel suo complesso, la variazione congiunturale risultante è positiva".

"Anche in termini tendenziali - prosegue l'Istat - la produzione, al netto degli effetti di calendario, è in diminuzione. A livello settoriale è ampia la flessione dei beni strumentali, mentre sono in crescita i beni di consumo e l'energia".

Corretto per gli effetti di calendario, a giugno 2022 l'indice complessivo diminuisce in termini tendenziali dell'1,2% (i giorni lavorativi di calendario sono stati 21 come a giugno 2021).

La produzione industriale a giugno cresce su base congiunturale solo per l'energia (+1,9%), mentre cala per i beni strumentali (-3,3%), i beni di consumo (-2,1%) e i beni intermedi (-1,3%).

Tra i settori di attività economica che registrano variazioni tendenziali positive si segnalano la fabbricazione di coke e prodotti petroliferi raffinati e la fabbricazione di computer e prodotti di elettronica (+9,3% per entrambi i settori), le industrie tessili, abbigliamento, pelli e accessori (+5,5%).

Le flessioni più ampie si registrano nella fabbricazione di mezzi di trasporto (-9,8%), nella metallurgia e fabbricazione di prodotti in metallo (-6,9%) e nella fabbricazione di apparecchiature elettriche (-6,1%).

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli