Italia markets closed
  • Dow Jones

    29.415,43
    +151,95 (+0,52%)
     
  • Nasdaq

    11.833,44
    -21,53 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    25.527,37
    -106,93 (-0,42%)
     
  • EUR/USD

    1,1833
    -0,0029 (-0,25%)
     
  • BTC-EUR

    15.518,08
    -34,99 (-0,22%)
     
  • CMC Crypto 200

    362,95
    +1,52 (+0,42%)
     
  • HANG SENG

    26.486,20
    +34,66 (+0,13%)
     
  • S&P 500

    3.559,58
    +2,04 (+0,06%)
     

Istat: a settembre saldo commerciale pari a +5.322 milioni

Alessandra Caparello
·1 minuto per la lettura

Aumento congiunturale per le esportazioni (+8,3%) e lieve contrazione per le importazioni (-2,7%) nel mese di settembre 2020 secondo le stime dell’Istat. L’incremento su base mensile dell’export – si legge nella nota dell’istituto nazionale di statistica - è esteso a tutti i raggruppamenti principali di industrie ed è dovuto in particolare all’aumento delle vendite di beni strumentali (+11,5%) e beni intermedi (+10,6%); minimo è invece il contributo (0,2 punti percentuali) delle maggiori vendite di energia (+12,6%). Dal lato dell’import, si rilevano cali congiunturali per quasi tutti i raggruppamenti, i più ampi per beni di consumo durevoli (-12,1%) e beni intermedi (-4,2%); in aumento solo gli acquisti di energia (+4,2%). Sempre nel mese di settembre 2020, l’export registra una crescita su base annua del 3,0%, cui contribuisce l’aumento delle vendite di beni strumentali (+11,1%) e beni intermedi (+6,3%). L’import, invece, segna ancora una flessione ampia sebbene in attenuazione (-12,4%, da -16,6% di agosto), spiegata soprattutto dal forte calo degli acquisti di energia (-46,7%). Aumentano su base annua gli acquisti di beni intermedi (+11,1%).