Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.965,63
    -127,47 (-0,55%)
     
  • Dow Jones

    31.496,30
    +572,16 (+1,85%)
     
  • Nasdaq

    12.920,15
    +196,68 (+1,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.864,32
    -65,78 (-0,23%)
     
  • Petrolio

    66,28
    +2,45 (+3,84%)
     
  • BTC-EUR

    40.473,61
    +613,86 (+1,54%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,93
    +39,75 (+4,21%)
     
  • Oro

    1.698,20
    -2,50 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1925
    -0,0054 (-0,45%)
     
  • S&P 500

    3.841,94
    +73,47 (+1,95%)
     
  • HANG SENG

    29.098,29
    -138,50 (-0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.669,54
    -35,31 (-0,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8605
    -0,0011 (-0,13%)
     
  • EUR/CHF

    1,1082
    -0,0040 (-0,36%)
     
  • EUR/CAD

    1,5074
    -0,0087 (-0,58%)
     

Istituto italiano per il calcestruzzo diventa fondazione

webinfo@adnkronos.com
Istituto italiano per il calcestruzzo diventa fondazione

"Proprio ieri abbiamo firmato dal notaio la trasformazione dell'Istituto italiano per il calcestruzzo da istituzione no profit a fondazione". Lo ha annunciato il presidente Silvio Cocco in occasione del convegno 'Concretezza. La durabilità delle opere: dialogo tra i protagonisti del territorio' organizzato dallo stesso istituto, con il patrocinio del Consiglio nazionale degli Ingegneri e dell'Ordine degli ingegneri della provincia di Piacenza, nell'ambito Giornate Italiane del Calcestruzzo, in corso alla Fiera di Piacenza fino al 9 novembre. Un passaggio, ha evidenziato, che "ha permesso di raccogliere attorno a noi il Politecnico di Milano, l'Ordine nazionale degli Ingegneri, la Fondazione Pesenti, tanto per citarne alcuni".

"L'istituto - ha ricordato - nasce 16 anni fa per fare fronte all'esigenza mia personale di avere un gruppo di ragazzi con i quali sviluppare un discorso di ricerca e assistenza a chi lavora con il calcestruzzo, ma soprattutto fare formazione. L'istituto oggi vanta 350 ragazzi all'anno che seguono un corso di tre anni presso di noi e che a fine percorso ottiene un diploma di tecnologo del calcestruzzo".

Una iniziativa che Cocco, a capo di una azienda che in Italia fattura 20 milioni di euro e 25 all'estero (la Tekna Chem) finanzia di tasca propria, ma che vorrebbe fosse presa ad esempio, perché "se gruppi di piccole aziende si mettessero insieme per finanziare formazione e ricerca, i costi diventerebbero sostenibili" ha evidenziato. "C'è qualcuno impegnato sul mercato a fare queste cose che sono alla base del progredire dei nostri lavori" ha concluso.