Italia markets close in 5 hours 4 minutes
  • FTSE MIB

    24.028,81
    -59,84 (-0,25%)
     
  • Dow Jones

    33.821,30
    -256,33 (-0,75%)
     
  • Nasdaq

    13.786,27
    -128,50 (-0,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.508,55
    -591,83 (-2,03%)
     
  • Petrolio

    61,97
    -0,70 (-1,12%)
     
  • BTC-EUR

    46.243,99
    +71,53 (+0,15%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.270,30
    +35,89 (+2,91%)
     
  • Oro

    1.779,00
    +0,60 (+0,03%)
     
  • EUR/USD

    1,2011
    -0,0030 (-0,25%)
     
  • S&P 500

    4.134,94
    -28,32 (-0,68%)
     
  • HANG SENG

    28.621,92
    -513,81 (-1,76%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.960,78
    +20,32 (+0,52%)
     
  • EUR/GBP

    0,8617
    -0,0017 (-0,20%)
     
  • EUR/CHF

    1,1016
    -0,0001 (-0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,5126
    -0,0044 (-0,29%)
     

In Italia è digitale un pagamento su tre: valgono 268 miliardi

Red
·2 minuto per la lettura
Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 11 mar. (askanews) - Un pagamento su tre in Italia avviene in digitale: sono state 5,2 miliardi le transazioni senza contante nel 2020, il 33% del totale dei pagamenti, per un valore complessivo a 268 miliardi di euro. Rispetto al 2019 cresce il numero delle transazioni (erano il 29% un anno fa), ma cala leggermente il totale mosso sui circuiti elettronici (-0,7%) a causa dal crollo dei consumi generato dalla pandemia. E' quanto emerge dall'analisi dell'osservatorio Innovative Payments della School of Management del Politecnico di Milano che certifica "un aumento della penetrazione rispetto al contante, che rimane però ancora il mezzo di gran lunga più utilizzato" dagli italiani.

Nel 2020 a crescere sono stati soprattutto i pagamenti tramite contactless: +29%, a quota 81,5 miliardi di euro, e ancor più quelli tramite smartphone e wearable, +80%, oltre 3,4 miliardi.

"Prima del lockdown di marzo 2020 i pagamenti digitali non erano ancora permeati completamente nella quotidianità degli italiani", ha sottolineato Alessandro Perego, responsabile Scientifico degli Osservatori Digital Innovation del Politecnico di Milano. "Oltre alla pandemia, nel corso dell'anno sono entrate in gioco anche le iniziative di incentivo del Governo, che hanno acceso i riflettori su queste tematiche e stanno portando sempre più persone a preferire i pagamenti elettronici. Molto probabilmente - ha stimato - alcuni di questi nuovi comportamenti si dimostreranno strutturali e ci accompagneranno per diverso tempo".

L'accelerazione dei pagamenti contactless, ha sottolineato Valeria Portale, direttore dell'osservatorio Innovative Payments, è stata registrata "nonostante mesi di chiusure in cui non sono stati di fatto utilizzabili gli acquisti in modalita' contactless. Questa crescita - ha aggiunto - potrà beneficiare in futuro anche della nuova soglia introdotta dalla PSD2 (50 euro) sotto la quale è possibile effettuare transazioni senza passare la propria carta all'operatore in cassa e senza dover toccare il pos per digitare il pin", ha chiosato Portale.