Italia markets close in 1 hour 5 minutes
  • FTSE MIB

    21.167,96
    -665,54 (-3,05%)
     
  • Dow Jones

    30.529,05
    -500,26 (-1,61%)
     
  • Nasdaq

    10.885,95
    -291,94 (-2,61%)
     
  • Nikkei 225

    26.393,04
    -411,56 (-1,54%)
     
  • Petrolio

    107,13
    -2,65 (-2,41%)
     
  • BTC-EUR

    18.157,09
    -1.216,94 (-6,28%)
     
  • CMC Crypto 200

    405,68
    -25,78 (-5,98%)
     
  • Oro

    1.816,60
    -0,90 (-0,05%)
     
  • EUR/USD

    1,0432
    -0,0012 (-0,11%)
     
  • S&P 500

    3.748,11
    -70,72 (-1,85%)
     
  • HANG SENG

    21.859,79
    -137,10 (-0,62%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.420,07
    -94,25 (-2,68%)
     
  • EUR/GBP

    0,8572
    -0,0039 (-0,45%)
     
  • EUR/CHF

    0,9960
    -0,0005 (-0,05%)
     
  • EUR/CAD

    1,3468
    +0,0009 (+0,07%)
     

Italia, ancora squilibri eccessivi, per benefici Pnrr serve attuazione rapida - Ue

Palazzo Chigi a Roma, illuminata con il tricolore italiano

MILANO (Reuters) - Affinché si vedano gli effetti benefici del Recovery Plan sulla crescita italiana, veicolati da investimenti e riforme, occorre che l'implementazione del piano sia "rapida e affidabile".

E' il monito della Commissione Ue che sottolinea come il Recovery Plan stia permettendo a Roma di affrontare le proprie vulnerabilità, stimolando la competitività e la produttività.

Nelle raccomandazioni ai singoli Paesi del blocco, la Commissione ha messo nero su bianco che l'Italia, come Grecia e Cipro, resta nella guppo dei paesi caratterizzati da "squilibri eccessivi".

Le vulnerabilità, prosegue la Commissione nell'analisi dedicata a Roma, riguardano l'elevato debito e la debole crescita della produttività, in un contesto di fragilità del mercato del lavoro e di debolezze sui mercati finanziari che hanno rilevanza anche fuori dall'Italia.

"Il rapporto debito/Pil ha intrapreso un sentiero discendente nel 2021 e dovrebbe rientrare ulteriormente ma resta un rischio per la sostenibilità di bilancio, il settore finanziario e la crescita economica" conclude Bruxelles.

Il rapporto odierno si inquadra nella procedura Ue dedicata alla 'sorveglianza macroeconomica', istituita ormai nel 2011 per l'individuazione e la correzione in fase precoce degli squilibri eccessivi, con particolare attenzione a quelli dalla potenziale ricaduta su resto della Ue.

(Sara Rossi, editing Alessia Pé)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli