Italia markets closed
  • FTSE MIB

    24.636,26
    +89,76 (+0,37%)
     
  • Dow Jones

    33.212,96
    +575,77 (+1,76%)
     
  • Nasdaq

    12.131,13
    +390,48 (+3,33%)
     
  • Nikkei 225

    26.781,68
    +176,84 (+0,66%)
     
  • Petrolio

    115,07
    +0,98 (+0,86%)
     
  • BTC-EUR

    26.813,45
    -452,71 (-1,66%)
     
  • CMC Crypto 200

    625,79
    -3,71 (-0,59%)
     
  • Oro

    1.857,30
    +3,40 (+0,18%)
     
  • EUR/USD

    1,0739
    +0,0006 (+0,05%)
     
  • S&P 500

    4.158,24
    +100,40 (+2,47%)
     
  • HANG SENG

    20.697,36
    +581,16 (+2,89%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.808,86
    +68,55 (+1,83%)
     
  • EUR/GBP

    0,8497
    -0,0014 (-0,16%)
     
  • EUR/CHF

    1,0271
    -0,0016 (-0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,3655
    -0,0046 (-0,33%)
     

Italia, bilancia commercio estero febbraio in deficit di 1,662 mld euro - Istat

·1 minuto per la lettura
Una bandiera italiana a Roma

ROMA (Reuters) - L'Italia ha registrato un deficit commerciale con il resto del mondo di 1,662 miliardi di euro a febbraio, rispetto a un avanzo di 4,750 miliardi di euro nello stesso mese del 2021, secondo i dati diffusi oggi da Istat.

Le esportazioni sono aumentate del 22,7% su base annua, le importazioni del 44,9%.

L'istituto di statistica segnala che nel mese in esame "gli acquisti di gas naturale contribuiscono per 10 punti percentuali al forte incremento tendenziale delle importazioni italiane. Il deficit energetico si amplia sensibilmente e il saldo nell'interscambio di prodotti non energetici, seppur ampiamente positivo, si riduce rispetto a febbraio dello scorso anno".

Con i Paesi dell'Unione Europea, l'Italia ha segnato un deficit commerciale di 115 milioni di euro nel mese osservato, contro un avanzo di 601 milioni di euro a febbraio 2021.

Le esportazioni verso i Paesi Ue sono cresciute del 24% su base annua, mentre l'import ha realizzato un +28,3%.

Guardando alla dinamica congiunturale, l'export segna un nuovo incremento "trainato soprattutto dalle vendite di beni di consumo non durevoli e intermedi", spiega Istat. Nella media degli ultimi tre mesi "la dinamica congiunturale è molto positiva".

"Prosegue la crescita dei prezzi all'import che si confermano in accelerazione su base annua (+18,5%, da +17,5% di gennaio), spinti in particolare dai rialzi dei prezzi dei prodotti energetici nell'area non euro".

(Antonella Cinelli, editing Francesca Piscioneri)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli