Italia markets closed
  • Dow Jones

    31.230,34
    +41,96 (+0,13%)
     
  • Nasdaq

    13.540,96
    +83,72 (+0,62%)
     
  • Nikkei 225

    28.756,86
    +233,60 (+0,82%)
     
  • EUR/USD

    1,2161
    +0,0046 (+0,38%)
     
  • BTC-EUR

    26.379,09
    -2.471,57 (-8,57%)
     
  • CMC Crypto 200

    634,45
    -45,46 (-6,69%)
     
  • HANG SENG

    29.927,76
    -34,71 (-0,12%)
     
  • S&P 500

    3.858,35
    +6,50 (+0,17%)
     

Luti, 'Cina un successo, pronti a studiare nuovi saloni del mobile in giro per il mondo'

webinfo@adnkronos.com

Pronti a studiare nuovi saloni in giro per il mondo dopo il successo di quello che si chiude il 22 novembre a Shanghai. Ad annunciarlo all'Adnkronos è Claudio Luti presidente del Salone del Mobile che conclude con un bilancio positivo la mission in Cina dove il Salone del Mobile è tornato per la quarta volta.

'Stiamo pensando di replicare il salone -dice Luti- ma è un lavoro delicato. Il salone di Milano è e resterà l'epicentro, il momento in cui tutto il mondo viene da noi e tale deve restare. Ma effettivamente stiamo pensando di andare uno o due anni in quei paesi dove siamo più deboli per conquistare nuovi spazi e migliorare la penetrazione; potrebbe servire in Africa, in America o in Arabia. Certo un piano del genere va studiato e programmato per bene perchè il brand che rappresentiamo è di valore, come dimostra Shanghai''. In Cina l'Italia si è presentata compatta come un monolite, portando 127 imprese, il governo, l'Ice e la Regione Lombardia.

''Quando si riesce a fare sistema come in questo caso -dice Luti- i risultati poi si vedono. Significa giocarsela ad armi pari con gli altri paesi, sfruttando anche quella creatività e genialità tutta italiana che all'estero ci riconoscono, come qui in Cina''. Certo poi tocca alle aziende sviluppare il business e andare avanti, ma intanto l'abbrivio c'e' e ''crea ricchezza. Iniziative come il Salone -dice- sono un traino importante, è ovvio poi che ogni azienda deve crederci, investire''. Ma le premesse partendo dai i numeri ci sono se si pensa che il nostro Paese è stato nel 2018 il primo fornitore della Cina in questa filiera con vendite cresciute del 10%. e in trend positivo continua.

''Questo è un paese di rilevanza mondiale sullo scacchiere internazionale e dobbiamo diventare sempre più importanti. La strada per le imprese italiane è aperta perchè come industria siamo rispettati e presentandoci tutti insieme come successo qui, diamo quell'idea di forza che attrae e non è poco dato che si parla di una grande potenza destinata a diventare sempre più forte''.