Italia markets close in 2 hours 51 minutes
  • FTSE MIB

    24.623,25
    +1,53 (+0,01%)
     
  • Dow Jones

    34.429,88
    +34,88 (+0,10%)
     
  • Nasdaq

    11.461,50
    -20,90 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    27.820,40
    +42,50 (+0,15%)
     
  • Petrolio

    82,36
    +2,38 (+2,98%)
     
  • BTC-EUR

    16.316,09
    +189,08 (+1,17%)
     
  • CMC Crypto 200

    409,33
    +7,91 (+1,97%)
     
  • Oro

    1.808,80
    -0,80 (-0,04%)
     
  • EUR/USD

    1,0586
    +0,0056 (+0,53%)
     
  • S&P 500

    4.071,70
    -4,87 (-0,12%)
     
  • HANG SENG

    19.518,29
    +842,94 (+4,51%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.963,16
    -14,74 (-0,37%)
     
  • EUR/GBP

    0,8606
    +0,0033 (+0,39%)
     
  • EUR/CHF

    0,9891
    +0,0024 (+0,24%)
     
  • EUR/CAD

    1,4178
    -0,0008 (-0,05%)
     

Italia, commercio extra-Ue ottobre ancora in rosso, export rallenta - Istat

Una bandiera italiana a Roma

ROMA (Reuters) - A ottobre il commercio estero italiano extra-Ue risulta nuovamente in rosso con le esportazioni in rallentamento, ma si riduce il deficit energetico.

Secondo i dati forniti stamani da Istat, nel mese in esame il commercio extra-Ue risulta in deficit per 2,040 miliardi di euro rispetto all'avanzo di 1,962 miliardi a ottobre 2021.

L'export sale del 16,6% su anno e l'import del 38,3%, da +27,2% e +59,0% rispettivamente del mese prima.

"Il deficit energetico si riduce nel confronto con settembre, quando era superiore in valore assoluto ai 12 miliardi, e contribuisce al ridimensionamento del deficit commerciale (2 miliardi in valore assoluto, rispetto ai 5 di settembre)", spiega l'istituto in una nota.

Nella dinamica congiunturale, si registra una flessione dell'export verso i paesi extra Ue che, per quanto generalizzata, "è per più della metà dovuta al calo delle vendite di beni strumentali".

Per l'import, la flessione congiunturale è quasi totalmente dovuta alla contrazione degli acquisti di energia (-19,5%).

Nel trimestre agosto-ottobre, rispetto al precedente, l'export diminuisce dell'1,5% per effetto del calo delle vendite di energia (-37,9%) e beni strumentali, mentre l'import segna un rialzo congiunturale del 4,6% a cui contribuiscono i maggiori acquisti di beni strumentali (+10,5%), energia (+7,9%) e beni di consumo non durevoli (+6,8%).

(Antonella Cinelli, editing Stefano Bernabei)