Italia markets closed
  • FTSE MIB

    20.648,85
    +295,87 (+1,45%)
     
  • Dow Jones

    28.725,51
    -500,10 (-1,71%)
     
  • Nasdaq

    10.575,62
    -161,89 (-1,51%)
     
  • Nikkei 225

    25.937,21
    -484,84 (-1,83%)
     
  • Petrolio

    79,74
    -1,49 (-1,83%)
     
  • BTC-EUR

    19.710,50
    -385,79 (-1,92%)
     
  • CMC Crypto 200

    443,49
    +0,06 (+0,01%)
     
  • Oro

    1.668,30
    -0,30 (-0,02%)
     
  • EUR/USD

    0,9801
    -0,0018 (-0,19%)
     
  • S&P 500

    3.585,62
    -54,85 (-1,51%)
     
  • HANG SENG

    17.222,83
    +56,96 (+0,33%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.318,20
    +39,16 (+1,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8782
    -0,0040 (-0,45%)
     
  • EUR/CHF

    0,9674
    +0,0099 (+1,04%)
     
  • EUR/CAD

    1,3551
    +0,0121 (+0,90%)
     

Italia, cresce ricchezza finanziaria famiglie, un terzo resta liquida - Fabi

La bandiera italiana a Palazzo Chigi a Roma

MILANO (Reuters) - La liquidità continua a rappresentare la forma di allocazione di risparmio preferita dagli italiani, in quanto riparo più sicuro nonostante l'inflazione e la bassa remunerazione, anche se sta crescendo l'esigenza di una maggiore diversificazione verso fondi comuni e polizze assicurative.

E' quanto emerge da un'analisi del sindacato bancario Fabi sul risparmio degli italiani sugli ultimi dieci anni.

Con una ricchezza finanziaria complessiva cresciuta a fine 2021 di quasi il 50% a oltre 5.256 miliardi di euro, la liquidità - contante e depositi bancari - ammonta a 1.629 miliardi e corrisponde al 31% del portafoglio complessivo delle famiglie, una percentuale stabile rispetto a dieci anni prima, evidenzia lo studio della Fabi.

Sale la quota di risparmio dirottata in azioni e polizze assicurative, rispettivamente il 23,8% e il 23,1% rispetto al 19% circa, mentre la percentuale di fondi comuni si attesta al 14,7% con una forte crescita rispetto al 6% del 2010, grazie alla sempre maggiore ricerca di investimenti equilibrati e prudenti.

Crolla invece il peso delle obbligazioni, passate dal 20% del 2011 al 4% del totale degli investimenti e delle riserve delle famiglie.

Nel confronto europeo l'Italia tuttavia non primeggia quanto a scelta primaria della liquidità negli asset finanziari delle famiglie. In Germania e Spagna, ad esempio, la quota di risparmio investita in depositi e azioni si attesta rispettivamente al 39,2% e al 36,4% a fronte di una media Ue del 33,6%.

Primato italiano, invece per quanto riguarda la preferenza verso i titoli di stato, con un quota del 4,3% del totale, rispetto a una media europea dell’1,6%.

(Andrea Mandalà, editing Stefano Bernabei)