Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.119,20
    +504,20 (+2,33%)
     
  • Dow Jones

    31.500,68
    +823,32 (+2,68%)
     
  • Nasdaq

    11.607,62
    +375,43 (+3,34%)
     
  • Nikkei 225

    26.491,97
    +320,72 (+1,23%)
     
  • Petrolio

    107,06
    +2,79 (+2,68%)
     
  • BTC-EUR

    20.136,38
    +98,94 (+0,49%)
     
  • CMC Crypto 200

    462,12
    +8,22 (+1,81%)
     
  • Oro

    1.828,10
    -1,70 (-0,09%)
     
  • EUR/USD

    1,0559
    +0,0034 (+0,33%)
     
  • S&P 500

    3.911,74
    +116,01 (+3,06%)
     
  • HANG SENG

    21.719,06
    +445,19 (+2,09%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.533,17
    +96,88 (+2,82%)
     
  • EUR/GBP

    0,8603
    +0,0025 (+0,30%)
     
  • EUR/CHF

    1,0099
    -0,0012 (-0,12%)
     
  • EUR/CAD

    1,3603
    -0,0071 (-0,52%)
     

Italia e bassa natalità, la 'previsione' di Elon Musk

(Adnkronos) - Padre di ben sette figli, il patron di Tesla Elon Musk discute di tassi di natalità su Twitter e lancia una previsione - funesta, visti i dati - sull'Italia. "Il tasso di natalità negli Stati Uniti è al di sotto dei livelli minimi sostenibili da circa 50 anni", 'cinguetta' Musk allegando un grafico del Wall Street Journal sul tema che mostra la 'caduta libera' del tasso di fertilità negli Usa negli ultimi decenni. "Contrariamente a quanto molti pensano, più una persona è ricca, meno figli ha. Sono una rara eccezione. La maggior parte delle persone che conosco ha zero o un solo figlio", commenta ancora il magnate, che poi replica alla risposta di Andrea Stoppa al tweet. "Italia - scrive Stoppa allegando anche lui un grafico sui nati dal 1946 al 2019 nel nostro Paese -. Nonostante un buon welfare, il tasso di natalità sta crollando". Arriva quindi la previsione di Elon Musk: "L'Italia non avrà più una popolazione se queste tendenze continueranno".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli