Italia markets closed
  • Dow Jones

    34.033,67
    -265,66 (-0,77%)
     
  • Nasdaq

    14.039,68
    -33,17 (-0,24%)
     
  • Nikkei 225

    29.291,01
    -150,29 (-0,51%)
     
  • EUR/USD

    1,2005
    -0,0128 (-1,06%)
     
  • BTC-EUR

    32.208,53
    -1.384,79 (-4,12%)
     
  • CMC Crypto 200

    959,49
    -32,98 (-3,32%)
     
  • HANG SENG

    28.436,84
    -201,69 (-0,70%)
     
  • S&P 500

    4.223,70
    -22,89 (-0,54%)
     

Italia, fatturato segna a marzo quarto rialzo congiunturale di fila

·1 minuto per la lettura
Un impiegato presso uno stabilimento a Torino

ROMA (Reuters) - A marzo si stima che il fatturato dell’industria, al netto dei fattori stagionali, registri un aumento congiunturale dell’1,6%, risultante da una crescita su entrambi i mercati (+2,0% interno e 0,6% estero).

Lo riferisce Istat, aggiungendo che si tratta del quarto progresso mensile consecutivo.

Corretto per gli effetti di calendario (i giorni lavorativi sono stati 23 contro i 22 di marzo 2020), il fatturato totale cresce in termini tendenziali del 38,1%, balzo derivato dal livello eccezionalmente basso registrato nel marzo dello scorso anno, in piena emergenza sanitaria. Il risultato deriva da un aumento più sostenuto sul mercato interno (+45,7%) rispetto a quello estero (+25,1%).

Nel primo trimestre, l’indice complessivo segna un incremento del 3,5% rispetto all’ultimo trimestre dello scorso anno, rialzo che Istat definisce "significativo" nella nota che accompagna i numeri.

Con riferimento ai raggruppamenti principali di industrie, risultano in crescita su mese i beni strumentali (+3,0%), quelli intermedi e l’energia (+2,3%), mentre i beni di consumo registrano un calo dello 0,8%.

A livello tendenziale si evidenziano marcati incrementi per tutti i settori: +62,9% i beni strumentali, +35,7% i beni intermedi, +34,8% l’energia e +21,3% i beni di consumo.

Nel comparto manufatturiero, solo per l’industria farmaceutica si osserva una variazione negativa su base annuale (-6,9%). I settori che segnano la crescita tendenziale maggiore sono quelli dei mezzi di trasporto (+128,4%) e della metallurgia (+58,0%).

(In redazione Valentina Consiglio, Antonella Cinelli)