Italia markets close in 1 hour 29 minutes
  • FTSE MIB

    24.616,00
    -5,72 (-0,02%)
     
  • Dow Jones

    34.079,19
    -350,69 (-1,02%)
     
  • Nasdaq

    11.334,32
    -127,18 (-1,11%)
     
  • Nikkei 225

    27.820,40
    +42,50 (+0,15%)
     
  • Petrolio

    81,85
    +1,87 (+2,34%)
     
  • BTC-EUR

    16.338,34
    +98,63 (+0,61%)
     
  • CMC Crypto 200

    407,99
    -3,22 (-0,78%)
     
  • Oro

    1.798,80
    -10,80 (-0,60%)
     
  • EUR/USD

    1,0521
    -0,0010 (-0,09%)
     
  • S&P 500

    4.024,63
    -47,07 (-1,16%)
     
  • HANG SENG

    19.518,29
    +842,94 (+4,51%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.961,61
    -16,29 (-0,41%)
     
  • EUR/GBP

    0,8618
    +0,0045 (+0,53%)
     
  • EUR/CHF

    0,9895
    +0,0027 (+0,28%)
     
  • EUR/CAD

    1,4194
    +0,0008 (+0,06%)
     

Italia, forte calo fatturato multinazionali in primo anno pandemia - Istat

La bandiera italiana sopra al palazzo del Quirinale a Roma

ROMA (Reuters) - Dopo anni di costante crescita il fatturato delle imprese multinazionali ha registrato un forte calo nel primo anno di pandemia, che ha riguardato in particolare i settori alberghiero e della ristorazione, secondo i dati forniti oggi da Istat.

Nel 2020 il fatturato delle imprese a controllo estero residenti in Italia è calato del 12,2%, e quello delle controllate estere di multinazionali italiane ha segnato -11,9%.

Le multinazionali estere, provenienti da 107 Paesi, sono attive in Italia con 15.631 controllate e 1,5 milioni di addetti. Nel 2020 il loro fatturato è calato di oltre 76 miliardi rispetto all'anno prima, il valore aggiunto di oltre 12 miliardi (-9,3%).

Dalle multinazionali estere - residenti soprattutto nell'Unione europea ma con gli Usa primo Paese controllante - arrivano quasi un terzo all'export italiano e la metà dell'import, spiega l'istituto in un rapporto.

Le multinazionali italiane a loro volta "sono presenti in 175 Paesi con 24.103 controllate (-2,7% rispetto al 2019), occupano quasi 1,7 milioni di addetti (-3,9%) e fatturano oltre 499 miliardi (-11,9%)".

L'istituto di statistica segnala che è "in calo la propensione all'investimento dei grandi gruppi industriali italiani", con un -5,8% rispetto al biennio precedente.

(Antonella Cinelli, editing Sabina Suzzi)