Italia Markets open in 1 hr 49 mins
  • Dow Jones

    30.046,24
    +454,97 (+1,54%)
     
  • Nasdaq

    12.036,79
    +156,15 (+1,31%)
     
  • Nikkei 225

    26.366,85
    +201,26 (+0,77%)
     
  • EUR/USD

    1,1903
    +0,0007 (+0,0595%)
     
  • BTC-EUR

    15.847,33
    -179,65 (-1,12%)
     
  • CMC Crypto 200

    373,95
    +4,20 (+1,13%)
     
  • HANG SENG

    26.677,52
    +89,32 (+0,34%)
     
  • S&P 500

    3.635,41
    +57,82 (+1,62%)
     

Italia: impatto Covid più marcato al Nord, ma perdita di lavoro maggiore nel Mezzogiorno

Valeria Panigada
·1 minuto per la lettura

L'impatto Covid è stato più marcato nelle regioni del Nord Italia. Lo rivela l'indicatore trimestrale dell'economia regionale elaborato dalla Banca d'Italia in relazione ai primi sei mesi del 2020. "La flessione è stata più marcata al Nord - si legge nel rapporto - coerentemente con l’insorgenza precoce della pandemia in tale area geografica". Le prospettive restano condizionate dall’incertezza circa l'evoluzione della pandemia, la cui incidenza è in aumento nelle ultime settimane. La crisi ha determinato un peggioramento delle condizioni economiche delle famiglie, soprattutto di quelle meno abbienti, più concentrate nel Mezzogiorno. Il numero di occupati si è ovunque ridotto, più marcatamente nel Mezzogiorno, dove la struttura produttiva è più orientata ad attività maggiormente esposte agli effetti della pandemia e la composizione dei contratti di lavoro risulta più sbilanciata verso forme di lavoro temporaneo.