Italia markets close in 4 hours 2 minutes
  • FTSE MIB

    26.923,07
    +116,88 (+0,44%)
     
  • Dow Jones

    35.490,69
    -266,19 (-0,74%)
     
  • Nasdaq

    15.235,84
    +0,12 (+0,00%)
     
  • Nikkei 225

    28.820,09
    -278,15 (-0,96%)
     
  • Petrolio

    81,44
    -1,22 (-1,48%)
     
  • BTC-EUR

    52.453,21
    +1.305,81 (+2,55%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.465,10
    -9,23 (-0,63%)
     
  • Oro

    1.800,80
    +2,00 (+0,11%)
     
  • EUR/USD

    1,1614
    +0,0008 (+0,07%)
     
  • S&P 500

    4.551,68
    -23,11 (-0,51%)
     
  • HANG SENG

    25.555,73
    -73,01 (-0,28%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.233,20
    +12,32 (+0,29%)
     
  • EUR/GBP

    0,8441
    +0,0000 (+0,00%)
     
  • EUR/CHF

    1,0662
    +0,0014 (+0,13%)
     
  • EUR/CAD

    1,4349
    +0,0009 (+0,06%)
     

Italia, inflazione settembre a massimo da ottobre 2012, oltre attese - Istat

·2 minuto per la lettura
Una bandiera italiana presso Piazza Navona, a Roma

ROMA (Reuters) - A settembre l'inflazione italiana si conferma in crescita per il nono mese consecutivo a perimetro annuo, sopra le attese, portandosi a un livello che non si registrava da ottobre 2012.

Secondo i dati provvisori diffusi oggi da Istat, nel mese in esame il Nic ha evidenziato una flessione dello 0,1% su mese e un rialzo del 2,6% su anno. Le attese erano rispettivamente per un calo dello 0,3% e un aumento del 2,4%.

Ad agosto l'indice aveva segnato rialzi dello 0,4% a livello mensile e del 2,0% a perimetro annuo.

L'aumento molto ampio degli energetici e le accelerazioni della crescita dei prezzi anche in altri comparti spingono l'inflazione di fondo sopra il punto percentuale.

Nello specifico, l'inflazione di fondo - al netto degli energetici e degli alimentari freschi - e quella al netto dei soli beni energetici accelerano entrambe, rispettivamente a +1,1% da +0,6% e a +1,2% da +0,5%.

L'inflazione acquisita per il 2021 è pari a +1,7% per l'indice generale e a +0,8% per la componente di fondo.

Accelerano i prezzi dei Beni alimentari, per la cura della casa e della persona, a +1,2% da +0,6%, e quelli dei prodotti ad alta frequenza d'acquisto, a +2,8% da +2,4%.

Passando all'armonizzato Ipca, a settembre l'indice risulta in aumento dell'1,4% su mese e del 3,0% a livello tendenziale, contro attese pari rispettivamente a +1,6% e +3,0%. Il mese prima l'Ipca era salito dello 0,2% congiunturale e del 2,5% tendenziale.

Istat precisa che la diversa dinamica congiunturale dell'Ipca rispetto al Nic si deve alla fine dei saldi estivi, di cui il Nic non tiene conto.

Di seguito i dati forniti per l'indice Nic:

SET AGO LUG

Var mensile -0,1 0,4 0,5

Inflazione a/a 2,6 2,0 1,9

Indice (base 2015=100) 105,0 105,1 104,7

Di seguito i dati forniti per l'indice Ipca:

SET AGO LUG

Var mensile 1,4 0,2 -1,0

Inflazione a/a 3,0 2,5 1,0

Indice (base 2015=100) 105,8 104,3 104,1

Di seguito il dettaglio per settore fornito da Istat per il Nic:

SETTORE m/m a/a

Prodotti alimentari 0,3 1,3

Bevande alcoliche e tabacchi 0,0 0,4

Abbigliamento e calzature 0,4 0,7

Abitazione, acqua, eletricità 0,0 9,7

Mobili, servizi e beni per la casa 0,2 1,4

Servizi sanitari 0,0 1,0

Trasporti -1,4 7,0

Comunicazioni -0,1 -1,1

Ricreazione -0,9 0,3

Istruzione 0,4 -3,8

Servizi ricettivi e ristorazione 0,3 2,8

Altri beni e servizi 0,0 0,7

(Antonella Cinelli, in redazione a Roma Stefano Bernabei)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli