Annuncio pubblicitario
Italia markets close in 3 hours 28 minutes
  • FTSE MIB

    34.570,48
    +109,96 (+0,32%)
     
  • Dow Jones

    39.671,04
    -201,95 (-0,51%)
     
  • Nasdaq

    16.801,54
    -31,08 (-0,18%)
     
  • Nikkei 225

    39.103,22
    +486,12 (+1,26%)
     
  • Petrolio

    78,07
    +0,50 (+0,64%)
     
  • Bitcoin EUR

    64.468,95
    +107,46 (+0,17%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.507,53
    +4,86 (+0,32%)
     
  • Oro

    2.369,00
    -23,90 (-1,00%)
     
  • EUR/USD

    1,0854
    +0,0027 (+0,25%)
     
  • S&P 500

    5.307,01
    -14,40 (-0,27%)
     
  • HANG SENG

    18.868,71
    -326,89 (-1,70%)
     
  • Euro Stoxx 50

    5.054,12
    +28,95 (+0,58%)
     
  • EUR/GBP

    0,8516
    +0,0007 (+0,08%)
     
  • EUR/CHF

    0,9906
    +0,0001 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,4829
    +0,0013 (+0,09%)
     

Italia, Istat rivede al ribasso inflazione aprile a +0,8% annuo

La bandiera italiana sventola davanti all'Altare della Patria, noto anche come "Vittoriano", nel centro di Roma

ROMA (Reuters) - Istat ha ritoccato al ribasso il dato sull'inflazione di aprile, mese in cui l'indice è tornato a decelerare, grazie all'ampliarsi su base tendenziale della flessione dei prezzi dei beni energetici non regolamentati.

Secondo i numeri definitivi resi noti stamani, nel mese osservato l'indice Nic sale dello 0,1% su mese e dello 0,8% su anno, rispetto a +0,2% e +0,9% della lettura preliminare diffusa il 30 aprile.

In marzo l'indice nazionale aveva registrato una variazione nulla su mese e un rialzo dell'1,2% su anno.

"Ad aprile l'inflazione torna a scendere, riportandosi allo stesso livello di gennaio e febbraio (+0,8%)", scrive Istat in una nota, segnalando che il dato risente "della dinamica tendenziale dei prezzi dei beni energetici non regolamentati (-13,9% da -10,3% di marzo)".

ANNUNCIO PUBBLICITARIO

L'inflazione di fondo rallenta al 2,1% sia al netto degli energetici e degli alimentari freschi che al netto dei soli beni energetici, da +2,3% e +2,4% rispettivamente di marzo.

I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona rallentano su base tendenziale (da +2,6% a +2,3%), mentre quelli dei prodotti ad alta frequenza d'acquisto accelerano (da +2,5% di marzo a +2,6%).

L'inflazione acquisita per il 2024 è pari a +0,6% per l'indice generale e a +1,6% per la componente di fondo.

Rivisto in leggero ribasso anche l'indice armonizzato Ipca, che ad aprile segna aumenti dello 0,5% congiunturale e dello 0,9% a perimetro annuo da +0,6% e +1,0% rispettivamente della stima preliminare.

(Antonella Cinelli, editing Francesca Piscioneri)