Italia markets open in 7 hours
  • Dow Jones

    34.021,45
    +433,79 (+1,29%)
     
  • Nasdaq

    13.124,99
    +93,31 (+0,72%)
     
  • Nikkei 225

    27.448,01
    -699,50 (-2,49%)
     
  • EUR/USD

    1,2080
    -0,0004 (-0,04%)
     
  • BTC-EUR

    41.166,50
    +176,40 (+0,43%)
     
  • CMC Crypto 200

    1.340,15
    -47,76 (-3,44%)
     
  • HANG SENG

    27.718,67
    -512,37 (-1,81%)
     
  • S&P 500

    4.112,50
    +49,46 (+1,22%)
     

Italia, Istat stima Pil trim1 a -0,4% su trim, Covid-19 pesa su servizi

·2 minuto per la lettura
Una bandiera italiana sventola davanti a Piazza Navona

ROMA (Reuters) - Il Pil italiano ha subìto una nuova contrazione su trimestre nel periodo gennaio-marzo, con le restrizioni anti-Covid che hanno pesato in maniera marcata sul settore dei servizi, secondo i dati preliminari diffusi stamani da Istat.

Il Pil italiano nel primo trimestre dell'anno ha visto un calo congiunturale corretto per gli effetti di calendario dello 0,4% dopo il -1,8% (rivisto da -1,9%) del periodo ottobre-dicembre, rispetto a stime pari a -0,5%.

Si riduce l'intensità del calo tendenziale: il Pil segna nel primo trimestre una flessione dell'1,4% - contro un consensus Reuters a -1,6% - dopo avere registrato una flessione del 6,6% nei tre mesi precedenti.

La variazione acquisita per il 2021 è pari a +1,9%.

"La variazione congiunturale è la sintesi di un aumento del valore aggiunto sia nel comparto dell'agricoltura, silvicoltura e pesca, sia in quello dell'industria, mentre i servizi nel loro complesso hanno registrato una diminuzione", sottolinea Istat, aggiungendo che dal lato della domanda "vi è un contributo positivo della componente nazionale (al lordo delle scorte) e un apporto negativo della componente estera netta".

Il governo stima una crescita quest'anno del 4,5%, come indicato nel Def, dopo la flessione dell'8,9% registrata dal Pil nel 2020 a causa della crisi Covid.

Per Banca d'Italia, che stimava un Pil stazionario nel primo trimestre, una crescita oltre il 4% nel 2021 è plausibile. Secondo il Ref, il Pil registrera' incrementi superiori al 4% sia quest'anno che il prossimo.

Entro oggi l'Italia presenta a Bruxelles il suo Recovery Plan, che prevede investimenti per oltre 220 miliardi di euro e da cui secondo il premier Mario Draghi dipende "il destino del Paese".

Istat ricorda che il primo trimestre ha avuto due giornate lavorative in meno rispetto a quello precedente e una giornata lavorativa in meno rispetto allo stesso periodo 2020.

Seguono i dati forniti dall'Istituto:

T1 2021 T4 2020 T3 2020

trim/trim (%) -0,4 -1,8r +15,8r

a/a (%) -1,4 -6,6 -5,2

r=rivisto

(Antonella Cinelli, in redazione a Roma Valentina Consiglio)