Italia markets close in 2 hours 48 minutes
  • FTSE MIB

    27.543,92
    +383,19 (+1,41%)
     
  • Dow Jones

    33.949,01
    -207,68 (-0,61%)
     
  • Nasdaq

    11.910,52
    -203,27 (-1,68%)
     
  • Nikkei 225

    27.584,35
    -22,11 (-0,08%)
     
  • Petrolio

    77,87
    -0,60 (-0,76%)
     
  • BTC-EUR

    21.123,17
    -498,24 (-2,30%)
     
  • CMC Crypto 200

    524,75
    -12,14 (-2,26%)
     
  • Oro

    1.892,20
    +1,50 (+0,08%)
     
  • EUR/USD

    1,0779
    +0,0061 (+0,57%)
     
  • S&P 500

    4.117,86
    -46,14 (-1,11%)
     
  • HANG SENG

    21.624,36
    +340,84 (+1,60%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.260,66
    +51,51 (+1,22%)
     
  • EUR/GBP

    0,8854
    -0,0021 (-0,24%)
     
  • EUR/CHF

    0,9893
    +0,0032 (+0,32%)
     
  • EUR/CAD

    1,4423
    +0,0024 (+0,17%)
     

Italia, Istat vede popolazione sotto 58 million in 2030, "potenziale quadro crisi"

Bandiera italiana a Palazzo Chigi, a Roma

ROMA (Reuters) - Il problema della denatalità in Italia è destinato ad aggravarsi: Istat stima che la popolazione residente scenda sotto i 58 milioni nel 2030.

"Le nuove previsioni sul futuro demografico del Paese, aggiornate al 2021, confermano la presenza di un potenziale quadro di crisi", ha spiegato Gian Carlo Blangiardo, presidente dell'istituto, nel corso di un'audizione parlamentare sulla legge di Bilancio.

"La popolazione residente è in decrescita: da 59,2 milioni al 1° gennaio 2021 a 57,9 milioni nel 2030, a 54,2 milioni nel 2050 fino a 47,7 milioni nel 2070".

Tra le conseguenze, Istat segnala che "il rapporto tra individui in età lavorativa (15-64 anni) e non (0-14 e 65 anni e più) passerà da circa tre a due nel 2021 a circa uno a uno nel 2050".

(Antonella Cinelli, editing Alessia Pé)