Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.965,63
    -127,47 (-0,55%)
     
  • Dow Jones

    31.496,30
    +572,16 (+1,85%)
     
  • Nasdaq

    12.920,15
    +196,68 (+1,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.864,32
    -65,78 (-0,23%)
     
  • Petrolio

    66,29
    +2,46 (+3,85%)
     
  • BTC-EUR

    41.131,88
    +577,90 (+1,43%)
     
  • CMC Crypto 200

    980,22
    +37,04 (+3,93%)
     
  • Oro

    1.696,50
    -4,20 (-0,25%)
     
  • EUR/USD

    1,1922
    -0,0057 (-0,48%)
     
  • S&P 500

    3.841,94
    +73,47 (+1,95%)
     
  • HANG SENG

    29.098,29
    -138,50 (-0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.669,54
    -35,31 (-0,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8609
    -0,0007 (-0,08%)
     
  • EUR/CHF

    1,1098
    -0,0024 (-0,21%)
     
  • EUR/CAD

    1,5073
    -0,0088 (-0,58%)
     

Italia, ordini e fatturato in calo su mese a novembre - Istat

·2 minuto per la lettura
Una bandiera italiana nei pressi della Fontana di Nettuno a Napoli

ROMA (Reuters) - Il fatturato e gli ordinativi dell'industria italiana subiscono una flessione a novembre su base congiunturale dopo il rialzo del mese precedente.

Secondo i dati diffusi oggi da Istat, al netto dei fattori stagionali il fatturato è diminuito del 2% congiunturale rispetto al +2,1% (rivisto da +2,2%) di ottobre. Nella media del periodo settembre-novembre si registra una crescita del 3,8% rispetto al trimestre precedente.

Nel mese osservato, gli ordinativi registrano un calo congiunturale dell'1,3% dopo il +3% del mese prima. Nella media degli ultimi tre mesi si registra un rialzo del 5,1% rispetto al trimestre precedente.

Corretto per gli effetti di calendario, il fatturato totale diminuisce in termini tendenziali del 4,6% dopo una contrazione del 2% (rivisto da -1,7%) a ottobre. Gli ordinativi (dati grezzi) aumentano del 5,3% su anno dopo il rialzo dell'1,2% registrato il mese precedente.

A novembre, sottolinea Istat, l'indice di fatturato torna sostanzialmente ai livelli di settembre. "Un analogo risultato si registra per i mercati interno e, in misura minore, estero. Sul risultato complessivo ha influito in modo particolare la performance negativa del settore dell'energia".

"Con riferimento ai principali raggruppamenti di industrie, si rilevano variazioni negative per tutti i settori ad eccezione di quello dei beni intermedi, sia su base mensile, per gli indici destagionalizzati, sia su base annuale, per gli indici corretti per gli effetti di calendario".

Di seguito i dati:

ORDINI INDUSTRIA

NOV OTT SET

Variazione % su mese -1,3 3,0 -5,6

- nazionali -3,8 2,9r -5,0r

- esteri 2,5 3,0r -6,3r

Variazione % su anno 5,3 1,2 3,3

FATTURATO INDUSTRIA

NOV OTT SET

Variazione % su mese -2,0 2,1r -3,0r

- nazionali -2,5 2,7r -4,7r

- esteri -1,0 1,0r 0,4r

Variazione % su anno -4,6 -2,0r -4,5

'r' = rivisto

(Antonella Cinelli, in Redazione a Milano Sabina Suzzi)