Annuncio pubblicitario
Italia markets closed
  • FTSE MIB

    32.934,29
    +353,35 (+1,08%)
     
  • Dow Jones

    39.087,38
    +90,99 (+0,23%)
     
  • Nasdaq

    16.274,94
    +183,02 (+1,14%)
     
  • Nikkei 225

    39.910,82
    +744,63 (+1,90%)
     
  • Petrolio

    79,81
    +1,55 (+1,98%)
     
  • Bitcoin EUR

    57.111,88
    -687,01 (-1,19%)
     
  • CMC Crypto 200

    885,54
    0,00 (0,00%)
     
  • Oro

    2.091,60
    +36,90 (+1,80%)
     
  • EUR/USD

    1,0839
    +0,0032 (+0,29%)
     
  • S&P 500

    5.137,08
    +40,81 (+0,80%)
     
  • HANG SENG

    16.589,44
    +78,00 (+0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.894,86
    +17,09 (+0,35%)
     
  • EUR/GBP

    0,8567
    +0,0010 (+0,12%)
     
  • EUR/CHF

    0,9573
    +0,0017 (+0,18%)
     
  • EUR/CAD

    1,4682
    +0,0013 (+0,09%)
     

Italia, Pil trim4 sale a sorpresa dello 0,2%, crescita 2023 a 0,7% - Istat

Bandiera italiana presso l'Altare della patria a Roma

ROMA (Reuters) - L'economia italiana lo scorso anno si è fermata appena sotto l'obiettivo del governo, allo 0,7%, ma con una sorpresa positiva negli ultimi tre mesi dell'anno.

Secondo la stima preliminare diffusa stamani da Istat, nel periodo ottobre-dicembre il Pil corretto per gli effetti di calendario ha messo a segno un +0,2% congiunturale contro attese Reuters che erano per una variazione nulla, dal +0,1% del trimestre precedente.

Il risultato del quarto trimestre, sottolinea in una nota l'istituto di statistica, riflette una flessione del valore aggiunto nell'agricoltura ed un aumento sia nell'industria che nei servizi.

"Dal lato della domanda, la componente nazionale misurata al lordo delle scorte è in diminuzione, mentre si stima un aumento della componente estera netta", spiega Istat.

Nel trimestre in esame l'economia è cresciuta a perimetro annuo dello 0,5%, oltre il consensus Reuters che era per un +0,3%. Confermato il +0,1% del terzo trimestre.

Il quarto trimestre del 2023 ha avuto tre giornate lavorative in meno rispetto al trimestre precedente e una giornata lavorativa in meno rispetto al quarto trimestre del 2022.

Guardando all'intero 2023 - che ha avuto due giornate lavorative in meno del 2022 - il governo nella Nadef aveva fissato l'obiettivo di crescita allo 0,8%, riducendolo dall'1% precedentemente stimato, dopo il +3,7% registrato l'anno prima.

All'inizio di dicembre Istat aveva rivisto in deciso calo la previsione di crescita del Pil per il 2023, a +0,7% dal +1,2% ipotizzato a giugno.

Anche la Commissione Ue, il Fondo monetario internazionale e Banca d'Italia avevano previsto una crescita di 0,7% nel 2023.

Per l'anno in corso i principali previsori vedono una crescita dell'economia italiana sotto l'1%, mentre il governo stima il Pil a +1,2%.

Alla fine dello scorso anno, sottolinea Istat, la variazione acquisita per il 2024 era pari a +0,1%.

(Antonella Cinelli, editing Francesca Piscioneri)