Italia Markets closed
  • FTSE MIB

    22.088,36
    -340,57 (-1,52%)
     
  • Dow Jones

    30.996,98
    -179,03 (-0,57%)
     
  • Nasdaq

    13.543,06
    +12,15 (+0,09%)
     
  • Nikkei 225

    28.631,45
    -125,41 (-0,44%)
     
  • Petrolio

    51,98
    -1,15 (-2,16%)
     
  • BTC-EUR

    26.661,49
    -169,52 (-0,63%)
     
  • CMC Crypto 200

    651,44
    +41,45 (+6,79%)
     
  • Oro

    1.855,50
    -10,40 (-0,56%)
     
  • EUR/USD

    1,2174
    +0,0001 (+0,0122%)
     
  • S&P 500

    3.841,47
    -11,60 (-0,30%)
     
  • HANG SENG

    29.447,85
    -479,91 (-1,60%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.602,41
    -15,94 (-0,44%)
     
  • EUR/GBP

    0,8895
    +0,0036 (+0,41%)
     
  • EUR/CHF

    1,0769
    +0,0003 (+0,03%)
     
  • EUR/CAD

    1,5500
    +0,0125 (+0,81%)
     

Italia: Pmi manifatturiero in calo più del previsto a novembre

Valeria Panigada
·1 minuto per la lettura

Perde vigore a novembre la ripresa del manifatturiero in Italia a causa dell’ennesimo crollo del volume dei nuovi ordini collegato alle più rigide misure di contenimento collegate al Covid-19. L'indice Pmi manifatturiero, stilato dall'istituto IHS Markit, si è attestato a 51,5 punti, in calo dai 53,8 punti di ottobre e sotto i 52 punti stimati dagli analisti. Tuttavia, le aziende hanno continuato ad aumentare a novembre il loro personale per via delle maggiori esigenze produttive e delle aspettative di una maggiore domanda non appena le restrizioni saranno allentate, suggerendo ancora ottimismo rispetto alla produzione dei prossimi 12 mesi. "In generale - commenta Lewis Cooper, economist di IHS Markit - i dati sono risultati promettenti, specialmente nel contesto delle più rigide restrizioni anti Covid-19. Considerati i recenti sviluppi in materia di vaccino, aumenta la speranza che presto l’economia riapra pienamente e, se questo dovesse succedere, il settore sarebbe in buona posizione nel continuare a recuperare il terreno perduto.”