Italia Markets open in 7 hrs 58 mins

Italia prima in Ue con il più alto numero di lavoratori autonomi -2-

Vis

Roma, 13 nov. (askanews) - Ma essere lavoratori autonomi è un'impresa non priva di ostacoli, nel Bel Paese più che altrove: 9 autonomi su 10 (89,9%) lamentano la presenza di notevoli difficoltà nello svolgimento del proprio lavoro: una condizione che in Europa interessa il 71,7% della platea. In testa alle criticità degli italiani spicca il carico burocratico (il 25,8% degli autonomi contro il 13,1% della media europea), seguito dall'instabilità degli incarichi e dei committenti (il 21,6% contro il 12,3% della media europea dichiara di dover affrontare periodi di non lavoro, perché senza progetti o clienti) e dal ritardo dei pagamenti (il 20,2% contro l'11,7%).

Pesano, infine, anche la difficoltà di accesso ai finanziamenti, l'impossibilità di incidere sui prezzi di servizi e prodotti e la mancanza di coperture in caso di malattia o infortunio. "A differenza dei luoghi comuni, lo studio sul lavoro autonomo dimostra che gli italiani hanno una grande voglia di mettersi in gioco e di contribuire a costruire la ricchezza del Paese avviando un'attività autonoma - dichiara il presidente della fondazione studi consulenti del lavoro, Rosario De Luca - nella maggior parte dei casi, però - sottolinea - chi vuole mettersi in proprio è frenato da difficoltà oggettive tipiche del mercato del lavoro italiano, tra cui spiccano i costi burocratici per avviare un'attività produttiva e il mancato sostegno da parte dello Stato ai tanti giovani pronti a darsi da fare per costruirsi un futuro. Eppure, considerando l'importante incidenza del lavoro autonomo sull'occupazione italiana, un'inversione di tendenza è quanto mai urgente. La manovra 2020 dovrebbe essere l'occasione per incrementare il sostegno ai liberi professionisti attraverso la riduzione dei carichi fiscali, degli oneri burocratici, la promozione della conciliazione dei tempi di vita e di lavoro e l'introduzione dell'equo compenso per garantire una retribuzione dignitosa anche a questa categoria professionale".