Italia Markets close in 1 hr 16 mins
  • FTSE MIB

    21.797,01
    -291,35 (-1,32%)
     
  • Dow Jones

    30.883,85
    -113,13 (-0,36%)
     
  • Nasdaq

    13.701,89
    +158,83 (+1,17%)
     
  • Nikkei 225

    28.822,29
    +190,84 (+0,67%)
     
  • Petrolio

    52,45
    +0,18 (+0,34%)
     
  • BTC-EUR

    28.377,54
    +887,82 (+3,23%)
     
  • CMC Crypto 200

    691,45
    +14,55 (+2,15%)
     
  • Oro

    1.856,40
    +0,20 (+0,01%)
     
  • EUR/USD

    1,2123
    -0,0052 (-0,4243%)
     
  • S&P 500

    3.854,34
    +12,87 (+0,34%)
     
  • HANG SENG

    30.159,01
    +711,16 (+2,41%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.559,53
    -42,88 (-1,19%)
     
  • EUR/GBP

    0,8874
    -0,0018 (-0,21%)
     
  • EUR/CHF

    1,0772
    +0,0002 (+0,01%)
     
  • EUR/CAD

    1,5441
    -0,0058 (-0,37%)
     

Italia, produzione industria novembre -1,4% su mese, peggio di attese - Istat

·2 minuto per la lettura
Una bandiera italiana davanti a Piazza Navona a Roma

ROMA (Reuters) - A novembre la produzione industriale italiana torna a registrare un marcato calo congiunturale, facendo decisamente peggio delle attese.

Secondo i dati pubblicati stamani da Istat, nel mese in esame la produzione - considerata un buon anticipatore del Pil - mostra una flessione dell'1,4% su mese dal +1,4% (rivisto da +1,3%) di ottobre. Le attese indicavano un calo dello 0,4%.

A perimetro annuo si registra un calo del 4,2%, da confrontare con il -1,9% (rivisto da -2,1%) del mese precedente.

"Nel confronto con febbraio 2020, mese antecedente all'esplosione della crisi pandemica, l'indice destagionalizzato è inferiore del 3,5%", sottolinea l'istituto di statistica in una nota.

Istat segnala anche che "a livello dei principali raggruppamenti di industria tutti i comparti risultano in diminuzione su base annua, particolarmente accentuata per i beni di consumo".

Nella media del trimestre settembre-novembre, segnala l'istituto di statistica, il livello della produzione cresce del 2,1% rispetto al trimestre precedente.

Dopo il rimbalzo del Pil nel terzo trimestre, si teme che sull'ultima parte del 2020 abbiano pesato le nuove restrizioni imposte dal governo per contenere la seconda ondata di Covid-19.

Secondo le ultime stime del governo, il Pil nel 2020 dovrebbe avere subìto una contrazione del 9%, in peggioramento rispetto al -8% che era l'obiettivo ad aprile.

Seguono i dettagli forniti dall'Istituto:

PRODUZIONE INDUSTRIALE NOV OTT SET

Variazione % m/m (destag.) -1,4 1,4r -5,0r

Variazione % a/a (corr. per calend.) -4,2 -1,9r -4,9

Variazione % a/a (grezzo) -1,2 -4,8r -1,9

NOTA: BASE 2015=100

r = revisioni

Istat ha fornito i seguenti dati sulla produzione per raggruppamento principale di industrie (% su mese):

Beni di consumo -4,0

Beni strumentali -0,6

Beni intermedi 0,2

Energia -3,6

(Antonella Cinelli, in Redazione a Roma Stefano Bernabei)