Italia markets closed
  • FTSE MIB

    25.218,16
    -495,44 (-1,93%)
     
  • Dow Jones

    33.290,08
    -533,37 (-1,58%)
     
  • Nasdaq

    14.030,38
    -130,97 (-0,92%)
     
  • Nikkei 225

    28.964,08
    -54,25 (-0,19%)
     
  • Petrolio

    71,50
    +0,46 (+0,65%)
     
  • BTC-EUR

    30.015,84
    -574,58 (-1,88%)
     
  • CMC Crypto 200

    888,52
    -51,42 (-5,47%)
     
  • Oro

    1.763,90
    -10,90 (-0,61%)
     
  • EUR/USD

    1,1865
    -0,0045 (-0,38%)
     
  • S&P 500

    4.166,45
    -55,41 (-1,31%)
     
  • HANG SENG

    28.801,27
    +242,68 (+0,85%)
     
  • Euro Stoxx 50

    4.083,37
    -74,77 (-1,80%)
     
  • EUR/GBP

    0,8590
    +0,0041 (+0,49%)
     
  • EUR/CHF

    1,0935
    +0,0016 (+0,15%)
     
  • EUR/CAD

    1,4786
    +0,0075 (+0,51%)
     

Italia, Prometeia vede calo produzione maggio, poi ripresa giugno e luglio

·1 minuto per la lettura
Una donna indossa una maschera con i colori della bandiera italiana in Via del Corso, a Roma

ROMA (Reuters) - Dopo il balzo registrato dalla produzione industriale italiana in aprile, Prometeia vede un calo fisiologico a maggio seguito in giugno e luglio da una ripresa a ritmi abbastanza sostenuti.

Lo si legge nel consueto rapporto previsivo mensile di Prometeia.

"Il trend di crescita dei mesi primaverili era pienamente nelle attese, e il fatto che si sia già consolidato nel mese di aprile è senza dubbio un’ottima notizia, in grado di certificare ulteriormente come il processo di recupero della nostra economia sia ben avviato", scrive l'istituto di ricerca, ricordando che secondo i numeri Istat resi noti stamani, ad aprile si e' registrato un netto rialzo congiunturale, pari all'1,8%.

"Le informazioni degli indicatori sia qualitativi sia quantitativi si mantengono positive e, dopo un fisiologico aggiustamento atteso in maggio, la produzione industriale tornerebbe a crescere a ritmo abbastanza sostenuto sia a giugno sia a luglio", aggiunge, specificando di ipotizzare per maggio una flessione congiunturale dello 0,7%, seguita da un +0,9% a giugno e un +0,5% a luglio.

Tale dinamica implicherebbe un’accelerazione della crescita nella media del secondo trimestre pari a 1,8% rispetto al primo, oltre a portare in eredita' un trascinamento "piuttosto positivo" (+0,9%) sul terzo.

(Valentina Consiglio, in redazione Stefano Bernabei)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli