Italia markets open in 8 hours 18 minutes
  • Dow Jones

    29.926,94
    -346,96 (-1,15%)
     
  • Nasdaq

    11.073,31
    -75,29 (-0,68%)
     
  • Nikkei 225

    27.311,30
    +190,80 (+0,70%)
     
  • EUR/USD

    0,9797
    -0,0087 (-0,88%)
     
  • BTC-EUR

    20.342,73
    -341,84 (-1,65%)
     
  • CMC Crypto 200

    456,11
    -7,01 (-1,51%)
     
  • HANG SENG

    18.012,15
    -75,85 (-0,42%)
     
  • S&P 500

    3.744,52
    -38,76 (-1,02%)
     

Italia ricca di fonti rinnovabili ma tra paesi europei meno autonomi - studio

La bandiera italiana di fronte all'"Altare della Patria" noto anche come "Vittoriano", a Piazza Venezia, nel centro di Roma

MILANO (Reuters) - L'Italia è quintultima in Europa per autonomia energetica (22,5% rispetto al 39,5% di media Ue al 2019), ma è seconda per disponibilità di risorse rinnovabili sul proprio territorio.

E' quanto emerge da una ricerca presentata oggi dai vertici di A2A durante il workshop Ambrosetti in corso a Cernobbio.

Sfruttando le sue materie prime - acqua, vento, sole e rifiuti – e agendo su elettrificazione dei consumi ed efficientamento, l'Italia può raggiungere il 58,4% di autonomia energetica, quasi triplicando gli attuali livelli, con un incremento di circa quattro volte rispetto a quello rilevato negli ultimi 20 anni, sostiene lo studio realizzato da The European House-Ambrosetti in collaborazione con la multiutility lombarda.

Nel dettaglio la ricerca evidenzia che è ottenibile una crescita di potenza installata di 105,1 GW di solare, 21,1 GW di eolico e 3,3 GW di idroelettrico dall'attivazione delle fonti di energia rinnovabili nei nostri territori, a tecnologie correnti e vincoli normativi e strutturali in essere.

Quanto al ciclo dei rifiuti, circa 8 milioni di tonnellate di rifiuti possono essere avviati a recupero energetico producendo elettricità per oltre 7 TWh (con un balzo del 55% rispetto al 2020).

Infine, la valorizzazione del biometano può attivare circa 6,3 miliardi di m3 (pari all'8% del consumo nazionale e 22% del gas importato dalla Russia).

(Giancarlo Navach, editing Gianluca Semeraro)