Italia markets closed
  • FTSE MIB

    22.965,63
    -127,47 (-0,55%)
     
  • Dow Jones

    31.496,30
    +572,16 (+1,85%)
     
  • Nasdaq

    12.920,15
    +196,68 (+1,55%)
     
  • Nikkei 225

    28.864,32
    -65,78 (-0,23%)
     
  • Petrolio

    66,28
    +2,45 (+3,84%)
     
  • BTC-EUR

    41.322,77
    +458,41 (+1,12%)
     
  • CMC Crypto 200

    982,93
    +39,75 (+4,21%)
     
  • Oro

    1.698,20
    -2,50 (-0,15%)
     
  • EUR/USD

    1,1916
    -0,0063 (-0,52%)
     
  • S&P 500

    3.841,94
    +73,47 (+1,95%)
     
  • HANG SENG

    29.098,29
    -138,50 (-0,47%)
     
  • Euro Stoxx 50

    3.669,54
    -35,31 (-0,95%)
     
  • EUR/GBP

    0,8612
    -0,0004 (-0,05%)
     
  • EUR/CHF

    1,1085
    -0,0036 (-0,32%)
     
  • EUR/CAD

    1,5068
    -0,0094 (-0,62%)
     

Italia, saldo commercio extra Ue dicembre a 7,9 mld euro - Istat

·1 minuto per la lettura
La facciata di palazzo Chigi illuminata con i colori della bandiera italiana

ROMA (Reuters) - Il saldo italiano del commercio extra Ue a dicembre ammonta a 7,907 miliardi di euro da 6,801 miliardi nello stesso mese 2019.

Nel mese in esame l'export ha mostrato un rialzo del 3,1% su base annua, mentre l'import una flessione del 3,7%.

"Malgrado il calo congiunturale di dicembre e ottobre, la dinamica dell'export verso i paesi extra Ue27 si mantiene positiva nel confronto con l'ultimo trimestre dell'anno rispetto al precedente", sottolinea Isat.

"Su base annua, l'export registra un'accelerazione della crescita, trainata in particolare dalle maggiori vendite di beni strumentali e intermedi".

L'istituto spiega che "nonostante la veloce ripresa avviata a maggio, dopo il crollo nei due mesi precedenti, nel complesso il 2020 si chiude con una contrazione dell'export del 9,9% (la più ampia dal 2009), spiegata per oltre 6 punti percentuali dal calo delle vendite di beni strumentali e beni di consumo non durevoli. La contrazione, diffusa a tutti i principali mercati di sbocco, è inferiore alla media per Svizzera, Stati Uniti, Cina e Giappone; India, paesi ASEAN e paesi OPEC mostrano, invece, le flessioni più ampie. Per l'import, nel complesso l'anno si chiude con una caduta del 15,3%, su cui pesa per oltre due terzi il crollo degli acquisti di prodotti energetici".

Di seguito i dati forniti dall'istituto (in mln di euro):

BILANCIA EXTRA UE DIC NOV OTT

Saldo 7.907 6.679r 7.159r

Import 12.665 13.430r 13.945r

Export 20.572 20.109r 21.104

'r'=rivisto

(Antonella Cinelli, in Redazione a Roma Stefano Bernabei)